Riscaldamento globale, alcune zone del mondo sono già inabitabili. Il mix di caldo e umido è fatale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:04

caldo umido riscaldamento globaleIl riscaldamento globale ha cominciato ad interessare la Terra più di 30 anni prima di quanto immaginato fino ad oggi. 

Nel giro di 4 decenni, stando a quanto riportato dagli scienziati, le nuove ondate di calore sono più che raddoppiate.

La cosiddetta “temperatura di bulbo umido”, che è influenzata dall’umidità e si attesta sui 35 gradi, può risultare fatale dopo poche ore persino alla persona più in forma.

Questa soglia è già stata raggiunta in Asia meridionale e Medio Oriente, e anche in alcune parti del Nord America, come rivelato in questo ultimo studio.

Il team di ricerca, composto da studiosi britannici e americani, afferma che vaste parti del globo saranno rese inabitabili dai cambiamenti climatici.

L’autore corrispondente Colin Raymond, del California Institute of Technology di Pasadena, ha dichiarato: “Il calore e l’umidità al di là di ciò che il corpo umano può tollerare sta venendo fuori prima di quanto previsto – spiega Raymond al Daily Star Online – La temperatura del bulbo umido in alcuni punti ha già superato i 35 ° C”.

La “temperatura di bulbo umido” è un rischio enorme per la salute 

Queste temperature estreme non erano state identificate in precedenza perché gli eventi erano brevi e altamente localizzati. Gli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute sono ancora più devastanti di quanto temuto, riferisce Science Advances.

“L’uomo elimina il calore in eccesso attraverso il sudore, che evapora nell’aria – spiega l’esperto – L’umidità elevata impedisce l’evaporazione del sudore con la massima facilità, rendendo il calore umido più pericoloso del calore secco”.

Una persona in perfetta salute, a riposo totale, in piena ombra e con acqua illimitata si surriscalda comunque se il calore e l’umidità si combinano e impediscono al corpo umano di liberare il caldo in eccesso tramite il sudore.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!