Freddie Mercury, la straziante reazione del cantante quando scoprì di essere malato: il racconto

Nel 1987 il solista dei Queen, Freddie Mercury, scoprì di essere sieropositivo. The Mirror ci racconta come il cantautore reagì quando gli venne comunicato che aveva sviluppato l’AIDS

Il 24 novembre del 2021 ricorrerà il trentennale della morte di Freddie Mercury. L’icona inglese della musica rock, voce indimenticata dei Queen, si spense nella sua casa di Londra pochi anni dopo aver scoperto di aver contratto l’AIDS. Mercury non seppe mai chi lo avesse contagiato e decise di tenere nascosta la malattia fino a quando non decise di redigere un comunicato nel qual “confessare” al mondo quale fosse il male di cui soffriva. Il comunicato fu reso pubblico il 23 novembre del 1991: il giorno dopo Freddie Mercury morì e diventò leggenda, insieme alla sua musica. The Mirror ci racconta alcuni dettagli del suo ultimo periodo di vita, compresi quelli legati alla tragica scoperta della sua malattia.

Freddie Mercury e la sua malattia, come la famiglia scoprì che stava male: il sarcoma di Kaposi

Tutti sappiamo com’è morto Freddie Mercury, il cantante dei Queen, ma non tutti conoscono alcuni dettagli della tragedia che ha funestato la sua vita, spezzata a soli 45 anni.

Negli anni  ‘80-’90 del secolo scorso la scienza non aveva fatto ancora i progressi di cui oggi la medicina puo’ disporre. Di AIDS si moriva (cosa che accade anche oggi), e- nonostante Freddie Mercury avesse deciso di non rivelare pubblicamente le sue condizioni di salute- alcune voci insistenti iniziarono a rincorrersi a partire dalla morte di Nikolai Grishanovich, che era stato uno dei suoi amanti e che era morto proprio di AIDS. Questo dopo l’ultima apparizione televisiva di Mercury, avvenuta il 18 febbraio del 1990: circostanza che fece sollevare l’ipotesi di una qualche malattia che poteva aver colpito il cantante.

Nessuno, se non gli amici più cari, venne messo a conoscenza di questa circostanza. Neppure la stessa famiglia di Mercury, che però iniziò a capire presto che qualcosa non andava nel cantante. Come? Tutto cominciò quando Kashmira (sua sorella minore) e il marito di lei, Roger Cook, videro uno strano segno sul piede di Freddie. Era il 1990 e quelli erano i segni lasciati dal sarcoma di Kaposi. Come ci spiega The Mirror, il chitarrista Brian May (suo compagno nei Queen) raccontò dei segni visti sul suo piede nel corso di un’intervista al Sunday Times. Fu proprio Freddie Mercury a mostrare il suo piede ai membri della band, mentre erano tutti  a cena insieme.

Freddie Mercury e la sua malattia, la storia d’amore con Mary Austin: fu la donna a spingerlo a scoprire la verità

Gli ultimi due anni della sua vita Freddie Mercury li trascorse quasi in isolamento totale. È grazie alla testimonianza di chi gli rimase vicino che oggi siamo a conoscenza di come il cantante abbia tentato di lottare contro la tragedia che gli era piovuta addosso. Una delle persone poi vicine al solista dei Queen era Peter Freestone, suo amico e assistente personale.

Freddie sapeva che il virus dell’HIV/AIDS era apparso nel mondo e sapeva di amici che stavano morendo di quella malattia, quindi questo gli ha dato da pensare. Potrebbe aver pensato di essere infetto, e come molti di noi se lo è messo in testa ma ha pensato “Non succederà a me”. A quei tempi era una condanna a morte. Lo è ancora oggi, ma ora la morte può essere rimandata”.

Insomma, per qualche anno Freddie Mercury cercò di mettere a tacere il sospetto di essere stato contagiato. Peter Freestone ha raccontato di come fu Mary Austin a convincere Freddie a fare il test che gli rivelò la verità. Mary visse un grande amore con il cantante, che a lei dedicò la canzone “Love of my life”.

Il medico di Freddie cercò di chiamare Freddie, ma lui non voleva semplicemente prendere la chiamata. Alla fine il dottore chiamò Mary e le disse che doveva parlare urgentemente con Freddie, quindi Mary dovette convincere Freddie a parlare con il suo dottore. Sono sicuro che Freddie avesse idea di cosa gli avrebbe detto il dottore, quindi non aveva voglia di sentire la sua diagnosi”.

Dopo un viaggio in Svizzera, realizzato nei primi giorni del novembre del 1991, Freddie Mercury decise di non prendere più le sue medicine. Questo non gli impedì di continuare a pensare al futuro: sappiamo che ha continuato a cantare, fino all’ultimo istante, e che aveva persino comprato dei regali di Natale da dare ai suoi amici (uno di quei regali era per Elton John). Morì il 24 novembre dello stesso anno, a causa di una broncopolmonite aggravata dalla presenza dell’AIDS.

Maria Mento