Coronavirus, rischi collaterali: milioni di persone potrebbero morire di tubercolosi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:17

La pandemia di Coronavirus potrebbe avere un drammatico effetto collaterale, portando alla morte di milioni di persone di tubercolosi.

Ai giorni nostri, quanto meno in occidente, la tubercolosi sembra una malattia relegata al passato. Questo perché i nostri sistemi sanitari sono efficienti e riescono a diagnosticare e curare i pochi casi che si presentano in tempo. Questa malattia infettiva esistente da secoli, però, è ancora oggi la più letale al mondo. Ogni anno, infatti, la tubercolosi uccide circa 1,5 milioni di persone nel mondo. Ad essere maggiormente colpiti dalla diffusione di questa terrificante malattia sono sopratutto le nazioni povere e le persone povere.

Leggi anche ->Coronavirus, si pensa al vaccino per la tubercolosi: due studi ne dimostrano l’efficacia

Erroneamente si potrebbe pensare che il lockdown globalizzato e l’immissione di regole di comportamento sociale che riducono al minimo il contatto tra le persone, potrebbero bloccare la diffusione non solo del coronavirus, ma anche delle altre malattie a trasmissione aerea. Secondo quanto scoperto da un’equipe di studiosi del ‘Stop TB Partnership‘, proprio la diffusione della pandemia potrebbe avere un effetto devastante.

Leggi anche ->Coronavirus, nuovo aumento di casi a Wuhan: ignoto il perché. In Corea del Sud un 29enne contagia 94 persone

Coronavirus, effetti collaterali: milioni di persone potrebbero morire di tubercolosi

Il direttore esecutivo della ‘Stop TB Partnership’, Lucica Ditiu, ha spiegato ad ‘Euronews‘ (qui l’articolo per intero): “E’ una specie di tempesta perfetta: i pazienti affetti da TB sono lasciati senza diagnosi e cure”. Moltissime persone povere, spiega la dottoressa, si trovano nell’impossibilità effettiva di ricevere delle cure a causa del lockdown, inoltre molti centri specializzati nella cura della tubercolosi sono stati convertiti per la cura del Covid ed i posti letto scarseggiano.

Lo studio è stato effettuato sulla base dei dati relativi all’India, il Kenya e l’Ucraina ed esteso con una proiezione approssimata a tutto il mondo. Il risultato è che entro il 2025 potrebbero esserci 5 milioni di contagi in più e 1,4 milioni di decessi in più rispetto al normale. La situazione, dunque, non può essere sottovalutata, spiega la dottoressa: “Il Coronavirus è molto più contagioso della tubercolosi, dobbiamo ricordarcelo. Tuttavia la tubercolosi uccide circa 4.000 persone al giorno. Non è uno scherzo”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!