Silvia Romano, i titoli sconcertanti di ‘Libero’ e ‘Il Giornale’. Da “ingrata” a “liberata un’islamica”

Silvia Romano convertita all'Islam (foto Ansa)

La liberazione di Silvia Romano è stata accolta con grande felicità, ma non sono mancati commenti squallidi sul web. 

Diversi utenti hanno attaccato la cooperante per la sua conversione all’Islam e per essere scesa dall’aereo che l’ha riportata in Italia indossando il jilbab, un abito indossato dalle donne musulmane.

Le critiche online sono state riprese anche da alcuni organi di informazione vicini al centrodestra, che hanno rincarato la dose. Quotidiani come “Il Giornale” e “Libero” non hanno fatto sconti a Silvia Romano e al governo Conte, accusando l’esecutivo di aver regalato 4 milioni di euro ai terroristi “per riportare a casa un’islamica”.

Per farla breve, le testate dirette da Vittorio Feltri e Alessandro Sallusti lasciano intendere che la cooperante poteva essere tranquillamente lasciata in mano all’organizzazione terroristica Al Shabaab, vista la sua conversione all’Islam.

libero il giornale silvia romano

“Abbiamo liberato un’islamica” e “Silvia ingrata”

“Abbiamo liberato un’islamica”, titola Libero, aggiungendo che Silvia Romano si sarebbe mostrata fin troppo tenera con i suoi aguzzini (“Non mi hanno fatto del male”, ndr).

Il Giornale la definisce invece “un’ingrata” sempre per via della sua conversione alla fede musulmana e per essere rientrata in Italia “con la divisa del nemico Jihadista”. L’augurio è che Silvia Romano possa dimenticare questa terribile esperienza e che non dia alcun peso a certa “stampa”.