Coronavirus, nasce il calcolatore che è capace di determinare quante possibilità abbiamo di essere uccisi dal Covid-19

Qualora venissimo infettati dal Covid-19, quante possibilità avremmo di morire? Ce lo dice un calcolatore messo a punto in Polonia: lo strumento fornisce una risposta dopo aver valutato diversi parametri 

In Polonia un gruppo di ricercatori, che si è avvalso della collaborazione di medici ed epidemiologi, ha progettato un calcolatore che è in grado di calcolare- appunto- le probabilità che ha di morire un paziente affetto da un Coronavirus.

Magdalena Malara-Świtońska, Rappresentante del Parco Scientifico e Tecnologico di Pomerania, ha parlato ai giornalisti e ha spiegato loro quali siano i parametri di cui il calcolatore tiene conto: età del paziente, sesso e informazioni sui quattro tipi di malattie croniche più diffuse.

Arriva il calcolatore di probabilità sul Coronavirus: lo strumento esamina le malattie croniche da cui è affetto il paziente

Più le condizioni fisiche di una persona sono compromesse da malattie pregresse e più il rischio di morire per le complicazioni portate dal Coronavirus è alto. Lo sapevamo già, m a adesso possiamo calcolare a quanto ammonti il valore numerico di questa  probabilità. Come? Grazie a un calcolatore che un team di ricerca ha pensato di mettere a punto. Siamo in Polonia e il capo progettista di questo calcolatore è Piotr Bandosz (ricercatore dell’università di Liverpool), il quale ha spiegato che:

“Le probabilità di morte per Covid-19 dipendono molto chiaramente dallo stile di vita e dalle malattie correlate, tra cui obesità, diabete, ipertensione e loro complicazioni. Dati recenti mostrano che la letalità tra le persone senza malattie croniche è inferiore all’1% dei decessi per Covid-19”.

Come funziona, dunque, questo strumento? La macchina compie dei calcoli utilizzando le informazioni sulla salute del paziente, sulla sua età e sul suo sesso precedentemente inserite da un addetto, e alla fine restituisce una percentuale che è relativa alle probabilità di morte cui quel paziente va incontro per aver contratto il Coronavirus. Naturalmente, tutto ruota intorno a quanto gravi siano già le condizioni di salute di una persona prima di entrare a contatto col Covid-19.

Arriva il calcolatore di probabilità sul Coronavirus,

I dati (riportati da Sputnik.com) che sono ricavabili da questo esperimento sono significativi e ci dicono che se un uomo di 30 anni in buona salute ha lo 0,03% di possibilità di morire a causa del Coronavirus (lo 0,02% se ci riferiamo a una donna), la percentuale schizza al 25,86% se ci riferiamo a un uomo di 80 anni affetto da diabete e cancro (per una donna con le stesse patologie e la stessa età la percentuale è del 14,03%).

inoltre, sulla letalità portata dal Covid-19 influirebbe anche la carenza di vitamina D: si tratta di una scoperta fatta dai ricercatori statunitensi della Northwestern University dell’Illinois.

Maria Mento