Le pinte ai tempi del coronavirus servite dai robot: è anche un passo verso la full automation?

In un noto pub di Siviglia è stato implementato il primo braccio robotico in grado di servire pinte di birra ai clienti, così si berrà la birra in tempo di Coronavirus?

Quante volte vi è capitato di avere voglia di andare in un pub per bere una gustosa pinta di birra insieme agli amici durante il lockdown? Molte persone, specialmente i più giovani, stanno avvertendo la mancanza della movida. L’andare a bere una birra al pub, infatti, è una scusa per stare insieme agli amici, parlare della propria vita e, perché no, conoscere qualcuno di nuovo.

Leggi anche ->Coronavirus, Fase 2: gli amici potranno forse rivedersi dal 18 maggio – VIDEO

Se tutto andrà per il meglio, bar e ristoranti riapriranno il prossimo lunedì e probabilmente sarà quello l’indirizzo per i pub in cui si svolge la vita notturna. Chiaramente bisognerà rispettare le distanze di sicurezza ed i locali dovranno attuare una rigida disciplina di contingentamento all’ingresso. Nel servizio di pietanze e bevande, inoltre, dovrà essere evitato assolutamente il contatto tra il cameriere (o il banconista) ed il cliente. Come farlo? Un’idea arriva dalla Spagna, più precisamente da Siviglia: il braccio robotico servi pinta.

Leggi anche ->Coronavirus, Fase 2: musei e cinema pronti a ripartire: ecco le regole e i divieti – VIDEO

I robot sostituiscono i banconisti in tempo di Coronavirus

Il braccio robotico è un prototipo dell’azienda spagnola ‘Macco‘ che è stato realizzato su richiesta del proprietario del noto pub andaluso ‘La Gitana Loca‘. Il titolare dell’attività pensava già da tempo di implementare un simile strumento per aiutare i baristi a smaltire la confusione nei caotici weekend al centro di Siviglia. Con l’arrivo del Coronavirus l’approdo dell’aiutate tecnologico è stato ritardato, ma il progetto non è stato accantonato ed anzi si è deciso di continuarlo per giungere in tempo alla riapertura.

I clienti pagano e ordinano attraverso un piccolo computer posizionato sul bancone e collegato al braccio robotico. Una volta eseguita la transazione, il barista robot riempe la pinta assicurandosi che ci sia il giusto quantitativo di schiuma e la poggia su un tappetino rialzato piazzato sul bancone. Vederlo in azione (ecco qui il video pubblicato dal ‘Daily Star’) è impressionante e pensate che è in grado di spillare 600 pinte in un’ora. Numeri che per il momento difficilmente si raggiungeranno, ciò nonostante il braccio sarà utile ad affrontare la fase 2, visto che permette di servire i clienti senza contatto ed in assoluta sicurezza.