Ripensare l’azienda, può essere il momento giusto: tra consigli utili e svolta green

In questo periodo la nostra società ha dovuto accettare una serie di cambiamenti importanti, per via della situazione provocata dall’emergenza sanitaria. Le persone sono state costrette a restare a casa, e molte aziende hanno dovuto chiudere i battenti, seppur temporaneamente.

Allo stesso tempo, le condizioni attuali hanno costretto molte imprese a ripensare il proprio modello di business, aprendosi al digitale, anche dal punto di vista del rapporto con i propri dipendenti e collaboratori.

E così lo smart working è diventato all’improvviso una risorsa quasi essenziale per molte società della Penisola. In questo senso, chi ancora non ha abbracciato queste soluzioni digitali, è il caso che inizi a riflettere su questa possibilità così importante.

Smart working e non solo

Non solo smart working, perché ci sono svariati sistemi e strumenti per ripensare l’azienda e per renderla più moderna e in linea con i tempi attuali. Chiaramente conviene partire proprio dal discorso sullo smart working, ovvero una delle novità più significative, nel mondo del lavoro.

Lo smart working può infatti creare una serie di ghiotte opportunità sia per le aziende che per i lavoratori: secondo una ricerca di InfoJobs, il lavoro a distanza aumenta le performance dei dipendenti, e abbatte le spese delle società. Quindi, alla fine dei conti, tutti escono vincitori da questo sistema. Di riflesso, chi può dovrebbe approfittare di questo particolare periodo per potenziare lo strumento in questione. Quali sono gli altri metodi per far crescere la propria azienda?

Ad esempio gli investimenti in marketing digitale e il reperimento di nuovi partner commerciali, insieme all’internazionalizzazione e alla ricerca di nuove formule di finanziamento.

L’importanza del lato green

In questo periodo si parla sempre più spesso di green, anche perché lo stop forzato ha dato dei preziosi frutti in termini di riduzione delle emissioni nocive, dello smog e dell’inquinamento. E le aziende possono, anche in questo caso, potenziarsi e approfittare della situazione per rendersi più “verdi”, dunque più rispettose della natura e dell’ecosistema.

Ci sono molte opzioni praticabili: ad esempio si possono consultare i siti web dei fornitori per scegliere una delle tante offerte green di energia elettrica per le aziende, basate sullo sfruttamento delle energie rinnovabili. Un altro suggerimento utile è il seguente: fare più attenzione agli sprechi energetici, sia per quanto riguarda l’utilizzo della luce e dell’elettricità, sia per il gas e dunque il riscaldamento.

Il già citato smart working entra a sua volta nell’elenco delle azioni green che un’azienda può compiere, e lo stesso discorso vale per il controllo sui prodotti di scarto inquinanti. Ci sono poi altre dritte come l’uso di materiali riciclati per il packaging, lo smaltimento corretto di toner e pile, la flotta aziendale sostenibile e la digitalizzazione dei documenti cartacei. Con questi accorgimenti sarà quindi possibile dare un tono più verde alla propria azienda, nell’ottica di uno sviluppo responsabile.