Drammi a catena vicino Melbourne: muore a soli 10 anni in quad, 4 ore dopo tocca ad un altro giovane

Ragazzino di 10 anni muore in quad

Un ragazzo di 10 anni è morto in un incidente in quad. Si tratta del secondo incidente mortale in poche ore nella stessa regione, dove sempre a causa di un veicolo, ha perso tragicamente la vita un quindicenne.

E’ stato definito un “incidente horror” quello che ha visto un ragazzino di soli 10 anni perdere la vita a causa del ribaltamento del quad. La tragedia, riportata dal Daily Star, è accaduta a Shelford, vicino Melbourne, in Australia, dove il giovane stava guidando il quad all’interno della proprietà rurale. Sembra che il mezzo si sia ribaltato durante la guida fuoristrada, ed in proposito la polizia sta compiendo le proprie indagini.

Ogni sforzo da parte dei soccorsi è stato inutile e il bambino è deceduto sul posto a causa delle importanti ferite riportate. Sul posto anche un elicottero per il trasporto in ospedale.

Potrebbe interessarti anche: Terribile incidente sulla statale 18: schianto tra due auto, muoiono due persone

Il secondo incidente mortale

A distanza di sole 4 ore, un altra terribile notizia ha turbato la stessa regione all’interno dello stato di Victoria. A Batesford, ad ovest di Geelong, un ragazzo di 15 anni è rimasto ucciso da un Ute, un veicolo con vano di carico sul retro. Il mezzo è finito su una proprietà mentre alla guda si trovava un altro ragazzo, sempre adolescente.

Nonostante il rapido intervento dei soccorsi, il ragazzo è deceduto sul posto senza che i paramedici riuscissero a rianimarlo.

Il capo dello staff di 7News Melbourne ha parlato della doppia tragedia in un tweet:”Due famiglie stanno soffrendo per la perdita dei loro figli oggi dopo incidenti mortali separati nelle fattorie vicino a Geelong. Un ragazzo di 10 anni in un ribaltamento in fuoristrada a Shelford e un 15enne in un ribaltamento totale a Batesford. Come mamma di un bambino, non posso fare a meno di immaginare. Un dolore straziante.”

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, i pazienti guariti potrebbero manifestare sintomi invalidanti per anni