Salvini e Meloni in sfida per la piazza del 2 Giugno: chi manifesterà contro il decreto?

Lite Salvini - Meloni

Sfida tra i leader dell’opposizione Giorgia Meloni e Matteo Salvini per manifestare in prima linea in occasione del 2 Giugno.

Nonostate entrambi si trovino d’accordo su come le misure adottate dal Governo per affrontare questo lockdown siano insoddisfacenti, i leader di Lega e Fratelli d’Italia sembrano in lite.

Salvini e Meloni si contendono infatti la piazza del 2 Giugno: Festa della Repubblica e meravigliosa occasione di mobilitarsi contro il decreto Rilancio.

Salvini vanta il primato di aver detto da tempo che, se il Governo non avesse raccolto le richieste della Lega, questa sarebbe scesa in piazza. “A giugno ci troveremo a Roma con tutti questi italiani che vogliono farsi sentire” aveva affermato. Ma la prima a fare un annuncio ufficiale in tal senso è stata la Meloni.

A sottolinearlo anche Ignazio La Russa, per cui si tratta “di una gara ridicola”. E aggiunge: “Mi meraviglia questa rincorsa degli amici della Lega per una iniziativa che è stata pensata da tempo da Fdi. Se davvero gli amici della Lega e di tutto il centrodestra intendono aderire a questa iniziativa e promuoverla sono certo che Giorgia Meloni ne sarà felice”.

Il successivo annuncio della Lega

Tre ore dopo l’annuncio ufficiale di Fratelli D’Italia, è stato diffuso un volantino che mostra Salvini sullo sfondo dell’Altare della Patria, richiamo al luogo in cui dovrebbe tenersi la manifestazione. Ma a scanso di equivoci la scritta riporta: “Due giugno a Roma, ripartiamo insieme per l’ orgoglio italiano, in piazza in tutta sicurezza”. Come sottolineato da La Stampa sul volantino manca il simbolo della Lega, probabilmente ad indicare che chiunque voglia partecipare alla manifestazione sarà ben accolto.

E’ sempre La Stampa a ricordare come per la Meloni l’altare della Patria sia un luogo “sacro” e per questo probabilmente l’annuncio prende realmente un sapore di sfida. Fu presso l’Altare che alla vigilia delle elezioni 2018 giurò che “mai avrebbe fatto inciuci con la sinistra e i 5 Stelle”, chiedendo a Salvini di fare altrettanto. Ma Giorgia Meloni giurò da sola e tale rimase, in quanto dopo poche settimane il leader della Lega formò il noto “goverlo gialloverde”.

Ma per tornare al presente, Salvini afferma “A noi interessa dare voce, tutti insieme, agli italiani in difficoltà, mettiamo da parte gli interessi e le bandiere di partito”. Però intanto non si è accodato all’annuncio dato dalla Meloni, preferendo farne uno tutto suo.

Chi sarà il promotore e chi gli aderenti alla manifestazione, lo scopriremo più avanti. Come pure se una manifestazione ci sarà, dato il pericolo ancora presente del Coronavirus.