Coronavirus, il 3 giugno aperti i confini in tutta Europa? L’annuncio / auspicio di Di Maio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:49

Lungo intervento del ministro degli Esteri Luigi Di Maio in videoconferenza durante il programma di Rai 2 della prima serata di domenica ‘Che tempo che fa’.

Sono stati svariati i punti trattati – per esempio le polemiche legate alla liberazione di Silvia Romano.

Ma non tratteremo di questo tema quanto di una dichiarazione molto importante in relazione alle prossime riaperture.

E’ già stato annunciato infatti che i confini nazionali italiani verranno riaperti dal 3 giugno e gli stranieri potranno venire senza dover fare quarantena.

La speranza – se non la certezza, non s’è capito bene – è che la stessa misura venga adottata dagli altri paesi europei.

Il ministro degli Esteri ha quindi annunciato che sarà fatta una videoconferenza tra i gli omologhi dei paesi interessati ad eventuali corridoi turistici, con l’auspicio che si possa in qualche modo salvare l’estate e che possa giungere almeno una parte dei turisti che di norma giungono in Italia (fondamentali per la nostra economia).

Da sottolineare come – durante un momento di problema tecnico nel collegamento di Di Maio – sia intervenuto Burioni che ha sottolineato come non ci sia assoluta certezza circa il fatto che il virus sia divenuto meno pericoloso e che si potrà capire meglio la situazione in 15/18 giorni.

Quindi, circa l’apertura delle frontiere, s’è così esposto: “Io non so se il virus è mutato ma sono mutati gli italiani” – circa i costumi ben più morigerati dei nostri connazionali.

E’ quindi normale per Burioni che si riaprano i confini, pur rimanendo molto importante che si possano isolare eventuali casi qualora si riscontrino.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!