Coronavirus, la gaffe della Santelli sulla temperatura corporea a 40 gradi all’ombra: “Chi non avrà 37?”

La governatrice della Calabria, Jole Santelli fa parlare di sé per una gaffe sul rilevamento della temperatura corporea sulle spiagge.

Il prossimo 3 giugno verrà probabilmente dato il via libera alla stagione estiva e balneare. Gli stabilimenti e tutte le strutture turistiche si dovranno dotare di termo scanner per misurare la temperatura dei bagnanti e dei turisti. Inoltre dovrà essere garantita la distanza di 4 metri da un ombrellone all’altro e di 1,5 metri tra un lettino ed un altro. Possibile anche che i bagnanti debbano indossare la mascherina, qualora non vengano montati i separatori in plexiglas.

Leggi anche ->Coronavirus Fase 2: libero accesso a tutte le spiagge della Sardegna da oggi 18 maggio – VIDEO

Le misure richieste dal comitato tecnico-scientifico non sono piaciute alla governatrice della Calabria, Jole Santelli. La presidentessa della Regione, infatti, ritiene inapplicabile la misura dei termo scanner: “Tra gli indicatori c’è quello di misurare la febbre ad ogni persona che arriva in uno stabilimento balneare, ma possiamo misurare la febbre a 40 gradi all’ombra? Di cosa stiamo parlando? Con 40 gradi all’ombra chi non avrà 37 gradi di temperatura corporea? Questo è un esempio di quando si calano alcune cose astratte poi nella realtà concreta e sembrano una barzelletta”.

Leggi anche ->L’allarme del primario Nardi: “Mostro ancora non domato, non andate in spiaggia”

I medici rispondono alla Santelli: “L’unica confusa è lei”

In realtà la temperatura corporea degli esseri umani tende a mantenersi costante a meno di problemi fisici. Le condizioni atmosferiche la possono modificare solo in caso di situazioni estreme come l’ipotermia o l’insolazione. Non si è fatta attendere, infatti, la dura reazione dei medici e degli infettivologi sulle dichiarazioni della governatrice.

Filippo Larussa, medico e segretario del sindacato dei camici bianchi Anaao della Calabria, ad esempio ha dichiarato: “A fare confusione è solo la presidente Santelli”. Lo stesso medico ha poi aggiunto una spiegazione alla precedente affermazione: “Lo sanno anche i bambini che tutti i mammiferi, persino le capre, sono dotati di un meccanismo di autoregolazione della temperatura corporea interna: è per questo che con il caldo si suda”.