Addio cecità? bulbo oculare bionico potrebbe giungere in commercio entro il 2025

Da Hong Kong arriva la notizia che un bulbo oculare bionico in grado di simulare la percezione visiva dell’occhio umano potrebbe essere pronto entro il 2025.

Riuscire a contrastare la cecità, permettendo a chi perde la vista o addirittura non ha mai avuto il piacere di averla è probabilmente uno degli obiettivi più nobili a cui lavora da tempo la scienza medica. Fino ad oggi non c’è stata una tecnologia in grado di restituire la vista, ma i progressi compiuti in campo tecnologico in questi ultimi anni fanno sperare di essere giunti ad una possibile soluzione.

Leggi anche ->Prodigi della scienza: tetraplegico torna ad usare le mani dopo un trapianto

Qualche tempo fa de ricercatori statunitensi hanno annunciato di essere riusciti a trovare un modo per restaurare la vista. Ci sono riusciti tramite uno strumento capace di inviare immagini da una telecamera direttamente al cervello. E’ noto che molti adulti perdono la vista a causa di danneggiamenti al nervo ottico e gli scienziati sono convinti che possono rimediare a questo impiantando degli elettrodi che stimolati “tracciano” figure sulla superficie de del cervello.

Leggi anche ->Vuole ringiovanire il viso, ex modella resta cieca. Tutta colpa di un’iniezione

Bulbo oculare bionico sul mercato entro il 2025?

L’annuncio giunto nei giorni scorsi da Hong Kong è ancora più sorprendente e potrebbe eliminare per sempre il problema della cecità dal mondo. A quanto pare un gruppo di ricercatori locali è riuscito a creare un bulbo oculare bionico in grado di simulare l’effetto delle cellule che catturano la luce all’interno dell’occhio tramite micro sensori. I ricercatori si dicono sicuri di poter portare sul mercato il loro meccanismo entro il 2025.

In una recente intervista sul bulbo il capo del dipartimento di Tecnologia e Scienza, il dottor Zhiyong Fan, ha dichiarato: “Il nostro occhio biomimetico ha una dimensione comparabile a quella di un occhio umano- un po’ più di 2cm di diametro. Può essere usato per protesti visive per i ciechi e per quelli che hanno problemi di vista”.