La direttrice dell’istituto di Wuhan: “Qui tre ceppi di coronavirus dei pipistrelli ma nessuno è il Covid-19”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:24

ceppi coronavirusLa direttrice dell’istituto di virologia di Wuhan ha definito le accuse di Trump una “montatura” confermando che il Sars-CoV-2 non è uscito dal loro laboratorio

“Il coronavirus non arriva da qui”. A sottolinearlo è la direttrice dell’istituto di virologia di Wuhan Wang Yanyi, a più riprese citato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump quale possibile luogo di origine della pandemia di Covid-19 che si è diffusa quasi ovunque nel mondo. La direttrice ha sottolineato che il centro di ricerca stava lavorando a tre ceppi di coronavirus dei pipistrelli ma nessuno di questi è riconducibile a quello che ha causato la pandemia. Dunque, ha ribadito, “Il Covid-19 non è arrivato dal laboratorio” e ha definito una “pura montatura” le accuse provenienti dagli Stati Uniti nel corso dell’intervista rilasciata al network cinese CGTN registrata il 13 maggio e trasmessa poche ore fa per poi essere ripresa dal Guardian.

Campione del Covid-19 ricevuto il 30 dicembre: “Non ne conoscevamo l’esistenza prima di allora”

L’Istituto cinese di virologia di Wuhan possiede tre ceppi vivi di coronavirus legati a pipistrelli, ma nessuno di questi corrisponde a quello del Covid-19″ ha sottolineato precisando che tra questi, il più simile al Sars-Covid-2 aveva solo il 79,8% del genoma in comune. Per tale ragione, le accuse del presidente americano Donald Trump sono da considerarsi “pure invenzioni”. E aggiungendo, inoltre: “Il nostro istituto ha ricevuto per la prima volta un campione del virus che provocava un tipo di polmonite ancora sconosciuto il 30 dicembre dello scorso anno. Non ne conoscevamo l’esistenza prima di allora, e non avevamo mai fatto studi o posseduto ceppi di quel germe patogeno. Come poteva sfuggire al nostro controllo se noi non lo avevamo?”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!