Stuprata ed uccisa, le sue ultime parole serviranno a fare giustizia: decisiva la testimonianza del suo pappagallo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:37

Una donna argentina è stata stuprata ed uccisa da due coinquilini. Le ultime parole della vittima sono state ripetute dal suo pappagallo.

Nel 2018 Elizabeth Toledo, 46enne di San Fernando (Argentina), ha deciso di mettere a disposizione le camere della sua abitazione ad altre persone. In questo modo la donna avrebbe risparmiato sulle spese di gestione dell’abitazione e mantenuto la casa. Quella decisione, però, le è costata la vita: proprio due dei coinquilini che aveva accolto quell’anno l’hanno prima stuprata e successivamente uccisa nel dicembre dello stesso anno.

Leggi anche ->Arrestato per femminicidio muore in carcere per coronavirus: aveva ucciso la madre

A chiamare la polizia dopo l’aggressione e l’assassinio della donna è stato uno dei vicini di casa, insospettito dalla frase che il pappagallo della vittima continuava a ripetere: “Perché mi state picchiando?”. Quando gli investigatori sono giunti nell’abitazione, Elizabeth si trovava sul pavimento senza vita e completamente nuda. Sul corpo aveva i segni visibili dell’aggressione e quelli dello strangolamento. Dalle successive analisi è stato confermato che qualcuno l’aveva stuprata e uccisa.

Leggi anche ->Nuovo terribile femminicidio nel messinese, studente 27enne strangola la fidanzata e cerca il suicidio

Pappagallo iscritto come testimone in un processo per omicidio

La dinamica dell’accaduto era già abbastanza chiara dalle prove rilevate sulla scena del crimine. A conferma di quanto intuito dai detective è venuto in soccorso il pappagallo della vittima. Questo infatti ha sentito le ultime parole della padrona e le ha ripetute proprio mentre gli agenti esaminavano la casa: “Ahia, no, vi prego. Lasciatemi andare!”.

La polizia ha indagato su tutti e tre i coinquilini della donna, ma solo 2 di loro, Miguel Saturnino Rolon e Jorge Raul Alvarez, sono stati accusati di stupro e omicidio: l’altro infatti ha un alibi solido per il giorno in cui è stato compiuto l’assassinio. Concluse le indagini, la procura di San Fernando è pronta a sostenere l’accusa contro i due uomini ed ha messo a verbale, nonché tra i testimoni, anche la testimonianza del fedele pappagallo.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!