Caso Open Arms, Matteo Salvini non sarà processato: la Giunta per le immunità del Senato ha votato no

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:47

Matteo Salvini non sarà processato per i fatti legati al caso Open Arms. Lo ha deciso il verdetto emesso dalla Giunta per le Immunità del Senato. Per Il M5S ha votato contro solo Riccardi

Il Tribunale dei Ministri di Palermo accusa Matteo Salvini di sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio per quanto compiuto- quand’era Ministro degli Interni- nei confronti dei 150 migranti della Open Arms.

Non ci sarà alcun processo per questi fatti: la Giunta per le immunità del Senato ha votato no sul rinvio al giudizio del leader della Lega. Sono mancati i voti dei rappresentanti di Italia Viva, che hanno deciso di non votare, mentre per il M5S si segnala il voto controcorrente di Alessandra Riccardi, la quale ha votato no al processo.

Va ricordato che questa della Giunta non è una decisione definitiva: il verdetto finale spetta al Senato, che dovrà decidere in merito entro fine giugno.

Salvini non sarà processato per il caso Open Arms, 13 voti a favore del leader della Lega

La Giunta per le immunità del Senato ha emesso stamattina un verdetto favorevole a Matteo Salvini, nei confronti del quale i magistrati siciliani chiedono il processo per i fatti relativi alla vicenda Open Arms. La Giunta si è espressa contro il processo.

La seduta, presieduta da Maurizio Gasparri, è iniziata stamane poco dopo le ore 09:00. Alle 10: 30 circa la svolta che ha ribaltato il verdetto in favore di Salvini: la decisione dei tre senatori Giuseppe Cucca, Francesco Bonifazi e Nadia Ginetti (Italia Viva) di astenersi dalla votazione per motivazioni che ha tenuto a precisare lo stesso Bonifazi. Il risultato finale parla di 13 voti a favore del leader della Lega  (5 voti dalla Lega, 4 voti di Forza Italia, uno da Fratelli d’Italia, uno dalle Autonomie e uno dall’ex pentastellato Giarrusso e da Alessandra Riccardi) e 7 voti a lui contrari. Hanno votato a favore del processo  Pietro Grasso (Leu), Gregorio De Falco (Gruppo Misto), Anna Rossomndo PD e 4 membri del M5S.

Salvini non sarà processato per il caso Open Arms, Italia Viva: “Mancata istruttoria seria. Salvini non è unico responsabile”

Veniamo adesso alle motivazioni che hanno portato alle tre astensioni di Italia Viva dal voto. Francesco Bonifazi ha spiegato che:

Italia Viva ha deciso di non partecipare al voto sulla vicenda Open Arms: ci rimettiamo dunque all’aula. Non c’è stata a nostro parere un’istruttoria seria, così come avevamo richiesto sia in questo caso che nella precedente vicenda Gregoretti: era necessario ricevere indicazioni sui rischi reali di terrorismo e sullo stato di salute riguardo alle imbarcazioni bloccate in mare dall’ex ministro dell’Interno, che non sono arrivate“.

Inoltre, secondo il capogruppo dei renziani, le responsabilità di quanto accaduto non sarebbero tutte da imputare a Salvini: l’ex Ministro dell’Interno avrebbe agito con l’avallo del primo Governo Conte.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!