Viaggi in Sol Levante? Una volta passata l’emergenza Covid il governo vuole pagare metà viaggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:27

Al fine di rivitalizzare il turismo, alla fine dell’emergenza covid il governo nipponico ha deciso di offrire la metà del prezzo del viaggio ai turisti.

Il 2020 doveva essere per il settore turistico giapponese quello dell’exploit. Già lo scorso anno il Paese nipponico aveva fatto registrare un aumento record di visitatori grazie alla Coppa del mondo di Rugby e quest’estate ci doveva essere un boom senza precedenti grazie all’organizzazione delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi. I piani commerciali del governo del Sol Levante sono saltati a causa della pandemia di Covid-19 e le competizioni previste per quest’estate sono state posticipate al 2021.

Leggi anche ->Coronavirus, l’uscita dal lockdown degli altri: anche la Grecia riparte da lunedì e pensa già al turismo

Inoltre, sempre a causa della pandemia, il governo ha chiuso i confini per gli abitanti di 100 nazioni ed aperto (si fa per dire) agli altri con l’obbligo però di passare 14 giorni in isolamento e sottoporsi al test del tampone. Il risultato è che in questi mesi il turismo è stato letteralmente azzerato e che fino a che non ci sarà un definitivo abbattimento dei contagi la situazione non cambierà.

Leggi anche ->Turismo, parla Di Maio: “Non ci saranno corridoi che escluderanno l’Italia. Si riapre il 15 giugno”

Turismo: il piano del Giappone per la fine dell’emergenza Covid

Il governo giapponese, però, guarda già al futuro e progetta il periodo immediatamente successivo alla fine dell’emergenza sanitaria (sebbene al momento nessuno è in grado di predirla). Per incentivare il turismo il ministro degli esteri ha pensato di offrire degli incentivi ai visitatori, pagando una parte del biglietto aereo e del costo dell’albergo. L’iniziativa è stata confermata nelle scorse ore da Hiroshi Tabata, ministro del turismo nipponico, al Japan Times. Al momento, però, non è chiaro quali siano i contenuti dell’offerta poiché non è stata ancora formalizzata. Si ritiene però che possa essere simile a quella prospettata dalla Sicilia, ovvero la metà del prezzo del biglietto aereo un terzo del costo dello hotel e l’ingresso gratuito ai musei.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!