Coronavirus, torna l’ipotesi di lockdown a livello locale: l’idea proviene dal Regno Unito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:36

coronavirus regno unito lockdownIntere città potrebbero ritrovarsi di nuovo in “lockdown” se dovessero emergere “riacutizzazioni” locali della pandemia di coronavirus.

E’ quanto riferito dal segretario alla salute inglese, Matt Hancock, che ha annunciato le misure di blocco a livello locale, che potrebbero portare alla chiusura di scuole, aziende e luoghi di lavoro in quelle zone dove il contagio appare più esteso.

“In futuro provvederemo a nuovi lockdown dove emergeranno riacutizzazioni e abbiamo un sistema che stiamo mettendo in atto assieme alla Public Health England (un’agenzia esecutiva del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale nel Regno Unito, ndr) e al nuovo Centro congiunto di biosicurezza – ha detto Hancock – insieme ai direttori locali di sanità pubblica che svolgono un ruolo assolutamente cruciale nel processo decisionale nel sistema”.

“Lockdown a livello locale? Non possiamo escluderlo”

All’inizio di questo mese, il segretario delle “Communities” Robert Jenrick aveva rivelato che la preferenza del governo inglese era su un lockdown da applicare contemporaneamente in tutto il Paese: tuttavia, come riportato dal quotidiano “Metro”, lo stesso Jenrick aveva poi ammesso la possibilità di alcune restrizioni a livello locale, se necessario.

“Se mentre costruiamo la nostra infrastruttura per testare, tracciare e rintracciare ci viene richiesto di fare interventi nelle micro-comunità dove c’è il rischio di un contagio esteso, non potremo che considerarlo, come hanno fatto anche altri Paesi”, ha poi aggiunto il segretario.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!