Storica invasione di locuste in India, campi devastati: “Percorrono 400 km al giorno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:56

storica invasione di locuste in indiaMilioni di locuste hanno letteralmente invaso diversi distretti dell’India distruggendo migliaia di ettari di colture. Caldo ed epidemia di Covid rendono impossibile debellarle

Mai così tante locuste negli ultimi 30 anni. Complice il clima rovente con temperature superiori ai 50 gradi, l’India si è trovata a fare i conti con una vera e propria invasione di milioni di locuste che, giorno dopo giorno, stanno letteralmente devastando le colture. Un doppio problema che va a sommarsi all’epidemia di Coronavirus, con contagi e decessi costanti. A Nuova Delhi la colonnina di mercurio ha superato i 47,5 gradi ed in generale la quasi totalità dell’area settentrionale del Paese sta facendo i conti con un’ondata di caldo assolutamente eccezionale con picchi di 50 gradi tocchati a Churu nello stato del Rajasthan. Le ragioni secondo i meteorologici sarebbero legate al ciclone Amphan che ha di fatto risucchiato l’umidità da altre parti del Paese ad eccezione dell’area orientale, dove ha colpito. Migliaia di lavoratori a causa dell’afa e dell’emergenza Covid-19 sono così rimasti senza lavoro e stanno cercando di fare rientro nei loro villaggi.

“Mai vista un’invasione simile negli ultimi 30 anni”

Ma oltre a questi problemi ci sono anche gli sciami di locuste che proprio a causa delle alte temperature è difficile fermare. Gli insetti hanno invaso non solo l’India ma anche il Pakistan: e dal 30 aprile ad oggi non sono stati ancora debellati invadendo cinque distretti del Rajasthan e del Madhya Pradesh. Gli esperti hanno spiegato che in un chilometri quadrato possono essere presentiv fino a 40 milioni di insetti che si spostano a velocità incredibili coprendo in una sola giornata distanze superiori ai 400 chilometri. Il vicedirettore della Locust Warning Organization dell’India KL Gurjar ha dichiarato alla Bbc: “Stiamo combattendo un grave attacco di locuste da oltre confine. Questa è la più grande invasione in quasi 30 anni. Gli sciami sono molto grandi e sono emigrati da oltre confine un mese prima di quanto ci aspettassimo”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!