Coronavirus, mamma di 5 figli muore dopo 7 settimane di ricovero. Il marito: “Non riuscivo a riconoscerla”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:54

Una donna, mamma di 5 figli, è morta in ospedale a causa di complicanze dovute al Coronavirus dopo sette interminabili settimane di ricovero.

La vita di Karen Birtwell si è spenta nei giorni scorsi sul letto d’ospedale che occupava da 7 settimane a causa del Coronavirus. La donna, madre di 5 bambini, soffriva di asma sin da quando aveva 13 anni, ma questo non le aveva impedito mai di vivere una vita piena e soddisfacente. Da ragazza si era sposata una prima volta e da quel rapporto aveva avuto 3 figli. Dopo il divorzio ha mantenuto dei rapporti ottimi con il padre dei bambini e nel 2010 si è innamorata nuovamente di Peter. Sposatasi con lui nel 2012, Karen aveva dato alla luce altre due figli Lauren e Ellie.

Leggi anche ->Muore di coronavirus, l’azienda per cui lavorava assume la vedova

Tutto, fino a quella domenica 5 aprile, era sempre andato per il meglio. Karen era una donna solare, capace di fare stare bene chiunque stesse al suo fianco. Poi quel giorno una crisi respiratoria l’ha costretta al ricovero in ospedale. Anche in quel momento il marito pensava che avrebbe superato la crisi, ma quando l’ha vista attaccata al respiratore ha cominciato a temere che non sarebbe tornata a casa. Il suo timore si è rivelato fondato, visto che dopo 7 settimane la donna ha smesso di lottare.

Leggi anche ->Coronavirus, trapianto riuscito: 18enne continua a vivere dopo che il Covid gli aveva bruciato i polmoni

Coronavirus, il dolore del marito

Il vedovo, 39enne di Lancaster, ha raccontato al ‘Mirror‘ il dolore provato per la scomparsa dell’amore della sua vita: “Tutta questa esperienza è stata traumatica. Come famiglia stiamo cercando di restare uniti e lo stiamo facendo al meglio delle nostre possibilità, ma è stata dura. Mi è stato permesso di vederla nel giorno della sua morte dopo sette lunghissime settimane. Abbiamo dovuto interrompere i trattamenti perché stava peggiorando. Ma non potevo lasciarla morire da sola”.

L’uomo ha anche confessato di essere rimasto scioccato nel vederla mutata dalla malattia: “Quando i dottori mi hanno permesso di vederla ho detto loro che mi avevano portato al letto sbagliato perché non riuscivo a riconoscerla”. In conclusione Peter aggiunge: “Era sempre la luce di ogni stanza in cui entrava. Non posso mai ringraziarla abbastanza per ciò che mi ha dato, i figli e la famiglia che ho”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!