Il figlio della luna: qual è la vera storia del fisico Fulvio Frisone?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:04

Questa sera andrà in onda il film ‘Il Figlio della Luna’, basato sulla vita del fisico Fulvio Frisone: scopriamo qual è la sua storia.

Questa sera andrà in onda su Rai Uno, il film ‘Il Figlio della Luna‘ diretto da Gianfranco Albano e sceneggiato da Paola Pascolini, Mauro Caporiccio con la collaborazione di Lucia Frisone, madre del protagonista. La pellicola, infatti, narra la storia eccezionale di Fulvio Frisone, fisico di fama internazionale che oggi collabora con la American Association for Science and Technology.

Leggi anche ->La storia del campanile sommerso di Curon Venosta, al centro di una nuova serie Netflix

A rendere maggiormente affascinante la storia di Fulvio c’è la sua condizione, il fisico infatti è nato affetto da una tetraplegia spastica distonica grave che gli impedisce persino di parlare. Un ostacolo di non poco conto per la vita di un bambino che, con grande sacrificio suo e della madre, è riuscito a renderlo un punto di forza.

Leggi anche ->Stasera in TV | Cosa c’è oggi, venerdì 29 maggio 2020: su Raiuno Il figlio della luna, su Canale 5 Amici Speciali

La Vera storia di Fulvio Frisone, il Figlio della Luna

Nato a Catania da genitori siracusani, Fulvio è riuscito a far notare il suo enorme talento nello studio grazie anche ai sacrifici della madre. Appassionato da sempre di fisica e astronomia, per lui la scelta di una laurea in Fisica è stata praticamente naturale (ottenuta nel 1989 nell’Ateneo di Catania). Ben presto, grazie anche alle sue pubblicazioni scientifiche, Frisone è stato notato dalla comunità scientifica italiana ed internazionale (molti dei suoi studi figurano nelle principali riviste scientifiche del mondo) e a cominciato a tenere congressi nelle università più prestigiose del mondo.

In questi anni ha collaborato col Russian Research Institute ed è diventato membro dell’American Nuclear Society (2005) e dell’ American Association for Science and Technology. Nel 2005 ha ricevuto il premio per la scienza alla 13a edizione del Maugeri-Amenano D’argento e nel 2008 un riconoscimento dall’Enea per lo studio Fulvio Frisone ‘Fusione fredda’. Nel corso della sua carriera ha dedicato gran parte delle sue energie allo studio dei fattori d’inquinamento che possono creare buchi neri nell’atmosfera e allo studio della produzione di energia nucleare pulita, senza residui radioattivi.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!