Ultraleggero precipita a Nettuno: morti nell’incidente due giovani nuotatori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:59

Aereo ultraleggero precipita a Nettuno

Aereo ultraleggero precipita a Nettuno, città del litorale laziale in provincia di Roma. Morti nell’incidente due giovani promesse del nuoto azzurro.

Intorno alle 10:30 di stamane un veivolo ultraleggero è precipitato poco dopo il decollo, avvenuto presso la scuola di volo Crazy Flay di Nettuno, in provincia di Roma.

Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco, intervenuti con 5 mezzi di servizio per spegnere l’incendio originatosi dall’impatto al suolo.

Solo pochi giorni fa un incidente simile si è verificato a Roma, dove un aereo è precipitato nel Tevere.

Le due giovani vittime erano entrambi nuotatori

Ancora ignote le cause dell’incidente, in cui hanno perso la vita Gioele Rossetti, 23 anni romano e Fabio Lombini, 22enne di Castrocaro Terme, passeggero.

Lombini aveva ottenuto l’argento ai campionati assoluti invernali del 2017 nei 200 stile libero. Si trovava in zona per degli allenamento presso il centro federale di Ostia.

Gioele Rossetti, tesserato con l’Aurelia nuoto, stava pilotando il veivolo, di proprietà del padre. Il giovane era in possesso di regolare brevetto, mentre per l’altro ragazzo si trattava del primo volo.

Sulla vicenda indaga la compagnia dei carabinieri di Anzio, ma l’ipotesi per ora è di un guasto.

Sul luogo anche un investigatore inviato dall’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv), che si occupa di scoprire le cause che provocano incidenti aerei.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!