Chi sono gli Antifa, messi all’indice da Trump in seguito alle proteste negli States?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Gli antifa sono tra coloro che hanno acceso le proteste di questi giorni negli Stati Uniti. Il Gruppo è stato messo all’indice da Trump, scopriamo chi sono.

In uno degli ultimi tweet pubblicati dal Presidente Usa Donald Trump, si legge l’intenzione di mettere all’indice il movimento Antifa americano: “Gli Stati Uniti d’America designeranno Antifa come organizzazione terroristica”. Già da tempo il numero uno della Casa Bianca progetta di etichettare come terroristi i rappresentanti del gruppo antifascista e le proteste di questi giorni, sfociate in un rogo dinnanzi proprio alla residente presidenziale, hanno accelerato l’attuazione di questo intento.

Leggi anche ->Trump contro i social media: il presidente firmerà oggi un ordine esecutivo – VIDEO

Antifa, abbreviazione di “Azione Antifascista” è un movimento internazionale di ispirazione anarchica e con ideali di matrice comunista. I suoi rappresentanti lottano contro le ingiustizie sociali, il razzismo e la nascita di movimenti di matrice fascista, definendosi una forza di resistenza attiva contro il ritorno di ideologie di estrema destra nate ad inizio novecento e sfociate nella follia nazista. In alcuni casi la lotta assume la forma dello scontro violento e del vandalismo, motivo per cui il gruppo negli anni ha ricevuto critiche sia dalla destra che dalla sinistra tradizionale americana.

Leggi anche ->Casa Bianca al buio, l’accadimento nei Simpson è legato ad una macabra profezia?

Chi sono gli antifa americani messi al bando da Trump

Negli Stati Uniti il movimento ha un’origine piuttosto recente, tanto che non esistono leader a livello nazionale, ma piccole cellule separare le une dalle altre. Il primo gruppo è nato a Portland nel 2006, ma gli aderenti sono relativamente pochi e si occupano principalmente di fare debunking di fake news e propaganda anti razzista. Nuovi nuclei dell’Antifa sono nati proprio dopo l’elezione a presidente di Donald Trump, con l’intento di contrastare la crescita di gruppi suprematisti bianchi.

Il problema del razzismo, infatti, negli Usa non è mai stato superato del tutto e ancora oggi ci sono gruppi di persone che s’ispirano a ciò che è stato il Ku Klux Klan. A partire dal 2017 diverse manifestazioni dei suprematisti bianchi sono state avversate dagli antifa. Emblematico in tal senso lo scontro al raduno di Charlottesville, in Virginia, che ha permesso al resto del Paese di conoscerne l’esistenza e la finalità. Sebbene non siano affiliati alla Sinistra, alcuni di questi gruppi collaborano o fanno parte di gruppi di attivisti locali come Occupy o Black Lives Matter.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!