La storia di Fabbriche di Careggine: villaggio medievale che riemergerà dall’acqua nel 2021

E’ stato da poco annunciato che nel 2021 il borgo medievale toscano Fabbriche di Careggine riemergerà dall’acqua e sarà visitabile, scopriamone la storia.

La nostra terra è ricca di storia e di scorci architettonici e paesaggistici che ci invidiano in ogni parte del mondo. A rendere unica l’Italia non ci sono solamente le grandi città come Roma, Firenze e Venezia (solo per citarne alcune), ma anche piccoli borghi che narrano di una vita florida anche distante dai centri più grandi. La disgregazione dell’impero romano prima e la formazione dei Comuni nel medioevo, non ha solo comportato una grande differenziazione socio culturale tra le varie regioni dello Stivale, ma anche alla formazione di una storia e di un architettura molto ricca e varia.

Leggi anche ->La storia del campanile sommerso di Curon Venosta, al centro di una nuova serie Netflix

Ogni anfratto dell’Italia potrebbe celare meraviglie sconosciute ai più. Lo sanno bene i campani che con il passare del tempo scoprono nuovi resti della fascinosa Pompei. Lo sanno i romani, sotto le cui strade già colme di meraviglie vengono ancora scoperti reperti storici importanti. Anche la Toscana non è da meno in quanto a reperti architettonici ed uno dei più particolari si trova in provincia di Lucca, nei pressi di Vagli di sotto.

Leggi anche ->La storia della laguna blu: il lago più tossico d’oltremanica tra carcasse ed escrementi

La storia di Fabbriche di Careggine

Di recente vi abbiamo parlato di Curon Venosta, paesino di epoca romana sommerso dall’acqua da quando è stata costruita una diga. Molto simile è la storia di Fabbriche di Careggine e del lago artificiale Vagli. La cittadina è stata costituita nel Medioevo (nel XIII secolo) da un gruppo di fabbri lombardi che estraeva e lavorava il ferro estratto dal monte Tambura. Proprio la bravura di questi artigiani rese nota la cittadina nel periodo medievale.

Il borgo medievale è diventato un paese fantasma nel 1953, quando è stata costruita la diga di sul torrente Edron ed è stato sommerso dall’acqua. Il lago è di proprietà dell’Enel e viene svuotato periodicamente per operazioni di pulizia e manutenzione. Durante questa fase il borgo medievale, perfettamente conservato, riemerge in tutto il suo splendore. L’ultima occasione in cui è stato possibile ammirarlo è stato nel 1994. Di recente è stato annunciato che l’anno prossimo Fabbriche di Careggine riemergerà un’altra volta.

Ad annunciare l’evento è stata Lorenza Giorgi, figlia dell’ex sindaco di Vagli di Sotto, che in un post Facebook ha scritto: “Nel 2021 dall’acqua riaffioreranno le vecchie rovine di Fabbriche di Careggine e la venuta alla luce del paese sommerso sarà definitiva”. La notizia è stata confermata anche dall’Enel sul proprio sito. Dunque a partire dal prossimo anno sarà possibile per tutti visitarlo.