64mila tartarughe in via d’estinzione catturate da un drone nella più grande “orgia” mai filmata

Un equipe di ricercatori è riuscita a catturare il momento in cui 64mila tartarughe verdi, specie in via d’estinzione, migrava verso la barriera corallina.

Grazia all’emittente televisiva britannica ‘ABC 7‘, milioni di persone in tutto il mondo sono riusciti a vedere le spettacolari immagini della migrazione delle tartarughe verdi verso la barriera corallina a largo dell’isola di Raine. Grazie alle riprese effettuate tramite un drone, è possibile vedere la moltitudine di esemplari che nuota in un ampio gruppo. Una scena emozionante, ma che non deve trarre in inganno, visto che la ripresa è stata fatta per comprendere quanti esemplari sono rimasti ed evitare che si estinguano.

Leggi anche ->New York, aeroporto JFK bloccato da invasione di tartarughe: “E’ la loro migrazione annuale”

Date le difficoltà incontrate negli anni per fare un censimento delle tartarughe in presenza, gli studiosi hanno atteso il periodo della deposizione delle uova nei pressi del Queensland (Australia) così da poterle filmare mentre nidificavano e avere un idea più precisa del numero dei esemplari rimasti nella zona della barriera corallina. I dati ottenuti dimostrano che la specie rimane a rischio, ma le immagini hanno fornito anche un dato rassicurante: gli studiosi hanno contato 64mila esemplari, un numero più altro rispetto a quello che era stato stimato precedentemente.

Leggi anche ->Ecosistemi a rischio: la vespa gigante asiatica sta causando milioni di danni in Europa

Tartarughe verdi a rischio estinzione

Andrew Dustan, lo studioso che si è occupato di effettuare la ripresa con il drone ha spiegato ai media: “Noi siamo consapevoli che nonostante questa abbondante aggregazione la fase riproduttiva non sta funzionando bene”. Ciò nonostante lo studioso ammette: “Abbiamo leggermente sottostimato la specie. Abbiamo trovato 1.73 più esemplari (quasi il doppio quindi) di tartarughe con il drone, quando abbiamo comparato il numero con i dati ottenuti con l’osservazione diretta”.