Ogni cosa è illuminata: chi è Augustine?

Questa sera andrà in onda la commedia ‘Ogni cosa è illuminata’: scopriamo di più sul film e sulla storia che racconta, esiste davvero Augustine?

Questa sera andrà in onda in prima serata su RaiTre, il film ‘Ogni cosa è illuminata‘. Uscito al cinema nel 2005, si tratta del primo lavoro da regista di Liev Schreiber (attore tra le altre cose della serie Ray Donavan) ed è la trasposizione cinematografica dell’omonimo libro scritto da Jonathan Safran Foer. Libro e pellicola differiscono in alcuni dettagli, specialmente nel destino e nei tratti salienti di alcuni protagonisti, modifiche che lo stesso scrittore ha accettato in fase di scrittura del copione.

Leggi anche ->Curon, serie tv Netflix: ecco alcune curiosità sulla città in cui è ambientata – VIDEO

Girato tra Odessa, Praga e alcune zone di campagna della Repubblica Ceca, il film è ispirato alle vicende personali dello stesso scrittore. Il motore dell’azione è una foto del nonno di Johnatan (interpretato da Elaijah Wood), nella quale l’uomo è in compagnia di una giovane donna dai tratti est europei che si chiama Augustine. Di lei nessuno sa niente, nemmeno la nonna, se non che è stata lei a salvarlo dalle truppe naziste. Ossessionato dalla ricostruzione della storia e dell’albero genealogico della famiglia, Jhonatan decide di partire per l’Europa alla ricerca della donna.

Leggi anche ->Ocean’s eleven storia vera o no? Quello che c’è da sapere sul film capostipite della saga

Chi è Augustine?

La trama, insomma, non è altro che un escamotage per innescare una storia di ricerca del proprio io, tipologia di racconto che spesso ben si associa con il viaggio di cui né diventa rappresentazione simbolica oltre che ambientazione. Lo spostamento dall’America all’Europa, così come la ricerca della verità sul passato del nonno e l’incontro con personaggi agli antipodi dall’americano medio, permettono al film di narrare le differenze tra il mondo occidentale e quello post sovietico in un arco temporale che va dalla seconda guerra mondiale ai giorni nostri.

Augustine è la donna che il nonno del protagonista amava, ma ciò che comprendono i protagonisti del viaggio è che essa altro non è che l’impersonificazione della memoria storica. Il perché rappresenta uno spoiler, dunque ci limitiamo a dire questo e non svelare ulteriori dettagli della trama.