Coronavirus, salvo dopo 62 giorni in terapia intensiva riceve fattura milionaria dall’ospedale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:40

fattura da 1,1 milioni per spese medicheSi è visto recapitare una fattura da 1,1 milioni di dollari per le spese mediche sostenute per tenerlo in vita. Il racconto dagli Usa

“Mi sento in colpa per essere sopravvissuto al Coronavirus”. Sembrano incredibili ma sono le parole pronunciate da un uomo che ha trascorso ben 68 giorni in terapia intensiva, a causa delle gravi conseguenze del contagio da Covid-19, per poi tornare a casa e fare una scoperta che lo ha letteralmente sconvolto. Infatti, dopo essere rimasto ricoverato per oltre due mesi in ospedale, ha ricevuto dal nosocomio una fattura di 1,1 milioni di dollari, a copertura delle spese mediche sostenute per tenerlo in vita e salvarlo. Una cifra enorme che ha lasciato il 70enne dello stato di Washington letteralmente di sasso ed incredulo, come raccontato dai media americani. Tanto da spingere Michael Flor a dichiarare di sentirsi in colpa per essere vivo.

La reazione dell’uomo quando ha visto la fattura record

Di Michael Flor si era ampiamente parlato nelle scorse settimane per essere riuscito a salvarsi dal Coronavirus quando ormai in molti, medici compresi, lo davano per morto. Tanto da aver organizzato con la famiglia, moglie e figli, una telefonata di addio con l’infermiera che sorreggeva il telefono. Fortunatamente nei giorni seguenti le condizioni del 70enne sono andate migliorando fino alla completa guarigione. Ma la fattura che ha ricevuto ha portato il morale dell’uomo a terra anche se è molto probabile che, in virtù dell’accordo che il governo ha stretto con le assicurazioni sanitarie, non dovrà sborsare nemmeno un dollaro. Resta però l’ennesimo caso delle problematiche di una sanità, quella americana, ricca di contraddizioni. Il ricovero dell’uomo è avvenuto allo Swedish Medical Center di Issaquah: “Quando ho aperto quella busta – ha raccontato –

ho detto ca**o. Mi sento in colpa per essere sopravvissuto. Mi sono chiesto: perché proprio io? Cosa ho fatto per meritarmi questo? Guardando l’incredibile costo delle spese mediche, il senso di colpa si aggiunge sicuramente a quello di essere sopravvissuto”. L’enorme cifra va a coprire, secondo quanto riportato dal Seattle Times, la stanza di terapia intensiva costata 408.912 dollari per 42 giorni, oltre agli 82.215 dollari per il ventilatore che lo ha tenuto in vita. Nella fattura sono presenti, complessivamente, circa 3000 voci.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!