“Montanelli stupratore e assassino”: Raimo abbandona in diretta lo studio di Quarta Repubblica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:16

Infiamma il dibattito a Quarta Repubblica su Montanelli, Razzismo e rivolte negli Stati Uniti, con il culmine di Christian Raimo che abbandona lo studio  

Montanelli sì Montanelli no: nelle ultime settimana a seguito delle proteste avvenute negli Stati Uniti è infiammato il dibattito su uno dei più controversi giornalisti e scrittori italiani. Dopo l’imbrattamento della statua del giornalista ad opera del movimento femminista, la debacle si è spostata inevitabilmente nei talk show, nella fattispecie a Quarta Repubblica, dove i toni sono stati a dir poco accesi e il clima particolarmente teso.

Botta e risposta da Porro fra Raimo e Capezzone

Durante la trasmissione su rete4 di Nicola Porro gli schieramenti appaiono ben chiari: Christian Raimo, in segno di protesta, fa comparire un cartello con riportato che “Montanelli è stato uno stupratore reo confesso, pedofilo dichiarato ed un assassino“. Lo scrittore ha così continuato a celebrare le gesta iconoclaste fatte dai collettivi milanesi nei confronti della statua dello scrittore, accusato di aver praticato pedofilia su una ragazzina eritrea di 12 anni. Dall’altra parte a rispondere c’era Daniele Capezzone, ex esponente di Forza Italia e giornalista, che accusa i collettivi di protesta di aver pratico “vilipendio su un cadavere” e giungendo ad affermare che l’unico razzismo praticato in Italia è un “auto razzismo”. Ritorna poi all’attacco Raimo, che accusa la trasmissione di aver invitato sei bianchi per parlare della condizione del razzismo nei confronti dei neri. Alla reazione del presentatore, che accusa Raimo di essere complottista, lo scrittore lascia definitivamente la trasmissione, posando un cartello sulla poltrona con su scritto “Fate una televisione impresentabile”. 

Leggi anche -> Imbrattata la statua di Indro Montanelli, il movimento femminista: “Un’azione di riscatto”

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!