Roma, imbrattato nella notte il busto del generale Baldissera. E nasce via George Floyd

Riempito di vernice il busto del capo delle truppe in Eritrea, e via Amba Aradam diventa Via George Floyd e Bilal Ben Messaud

“Appare evidente la necessità di riportare una narrazione storicamente veritiera del colonialismo italiano, delle brutalità compiute da uomini che ancora oggi le nostre istituzioni continuano a celebrare come grandi personaggi”: con questa frase la rete “Restiamo umani” rivendica le azioni compiute ieri notte, come l’imbrattamento del busto di Antonio Baldissera, il generale a capo delle truppe italiane in Eritrea, al Pincio, nonché Governatore della colonia italiana di Eritrea alla fine del XIX secolo. Una protesta nei confronti del sistema coloniale e dell’eredità storica che si porta dietro, indubbiamente collegato all’episodio dell’imbrattamento della statua di Indro Montanelli, lo scrittore e giornalista accusato di aver praticato pedofilia nei confronti di una bambina eritrea durante la campagna d’Africa.

Black Lives Matter a Roma: via Amba Aradam diventa via George Floyd

Le azioni di protesta della rete avvengono sull’onda del movimento di protesta del “Black Lives Matter” contro il razzismo che dall’America è giunto in Italia a seguito dell’omicidio di George Floyd ad opera delle forze di Polizia di Minneapolis. Durante la notte sono comparsi vari cartelli con il nome di George Floyd, in sostituzione di via Amba Aradam che diventa “Via George Floyd e Bilal Ben Messaud”, il migrante deceduto mentre cercava di raggiungere la terra ferma a Porto Empedocle a maggio  2020. Nel cantiere della metro C campeggia il cartellone con la scritta “Nessuna stazione abbia il nome dell’oppressione”, sempre a firma di Black Lives Matter.

 

Sul posto sono alla fine intervenuti il Decoro urbano e la Polizia di Stato per far rimuovere i cartelli e gli striscioni affissi.

Leggi anche -> Imbrattata la statua di Indro Montanelli, il movimento femminista: “Un’azione di riscatto”

Leggi anche -> Black Lives Matter, durante gli scontri ferito un esponente di estrema destra: un sostenitore del movimento lo salva

Leggi anche -> Black Lives Matter, un altro uomo di colore ucciso dai Poliziotti durante le proteste in Kentucky: la vittima è David McAtee

Leggi anche -> Scalo ‘occupato’, la protesta degli attivisti “Black Lives Matter”