Coronavirus, Ricolfi avverte: “Segnali per niente rassicuranti. Il turismo rischia di costarci una ripartenza dell’epidemia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:33

Lunga intervista all’Huffington Post rilasciata da Luca Ricolfi, sociologo e Professore di Analisi dei Dati all’Università di Torino.

Una intervista che fa riflettere e, in qualche modo, inquietare.

Secondo il professor Ricolfi, infatti, le curve dei contagi starebbero riprendendo a crescere: “I segnali delle ultime due settimane non sono per niente rassicuranti. Se guardiamo quel che succede a livello nazionale, possiamo anche non accorgerci di quel che sta accadendo, perché il dato nazionale è una media, in cui le curve epidemiche dei vari territori si mescolano e giocano a rimpiattino fra loro, nascondendo quel che succede nei territori critici. Ma se si scende al livello più basso consentito dai dati della protezione Civile, ossia a livello provinciale, si riesce a vedere quel che a livello nazionale si intravede appena, e cioè che sono una quindicina le province in cui la curva epidemica, anziché continuare a scendere, ha invertito la sua corsa e ha iniziato a risalire”.

Le province in questione sono per lo più in Lombardia (“e fra esse c’è Milano”) ma ci sono anche province di “altre regioni del Nord o del Centro: Alessandria, Vercelli, Bologna, Arezzo, Rieti, Roma, Macerata”.

Inoltre ce ne sono altre 7 “in cui i segnali di ripresa dell’epidemia ci sono ma sono meno nitidi”.

Ripresa contagi, per Ricolfi il problema è il turismo

Il problema, secondo il professor Ricolfi, è il turismo e – più in assoluto – l’industria del divertimento:

“Il turismo, o meglio la pretesa della politica di proteggere il turismo a qualsiasi prezzo, ci è costato prima (nelle 2 settimane a cavallo fra febbraio e marzo) un imperdonabile ritardo nelle chiusure, a partire dalla tragica vicenda di Nembro e Alzano. E rischia di costarci ora una ripartenza dell’epidemia, perché nessuno vuole vedere che il famigerato parametro Rt (che dovrebbe stare sotto 1) potrà pure essere ancora sotto 1 a livello nazionale, ma quasi certamente è tornato sopra a 1 in molti territori”

“Inutile girarci intorno: il rilancio del turismo e dell’economia del divertimento (ristorazione, calcio, sale giochi, eccetera) è incompatibile con un discorso di verità sull’andamento dell’epidemia. E la politica ha scelto: in questo momento meglio annacquare la verità, se no la macchina dei consumi non riparte, e la società signorile di massa implode”.

Ricolfi su Conte: “Difficile essere nella testa del premier”

riaperture dal 18 maggio

Il professor Ricolfi (cliccando qui potete leggere l’intervista integrale – che offre diversi altri spunti) non s’è quindi risparmiato una frecciata al premier Conte: “Difficile essere nella testa del premier. Una persona che, dopo aver commesso errori tragici, dalle mancate o tardive chiusure fino alla scellerata lotta contro i tamponi, ha la faccia tosta di dire “rifarei tutto”, sfugge alla mia personale capacità di comprensione e immedesimazione nella mente altrui. Quindi sul premier le rispondo: non ne ho la minima idea, può persino darsi che creda sinceramente di aver fatto bene. La psicologia e le scienze umane insegnano che le vie dell’autoinganno e della falsa coscienza sono infinite”.

Ricordiamo come ad aprile il professore non avesse risparmiato ulteriori dure critiche, parlando di un numero di morti ben superiore alle cifre ufficiali comunicate.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!