Pugnala al cuore l’ex per provare il suo amore alla fidanzata: dalla Russia, un folle omicidio passionale

Spinto a dimostrare la sua lealtà alla nuova fiamma, un ragazzo di 20 anni ha pugnalato al cuore l’ex di fronte alla fidanzata.

Dalla Russia, più precisamente dal piccolo paesino di Suzun, sito nella regione di Novosibirsk Oblast, giunte la storia di un triangolo amoroso finito in tragedia. Inizialmente la storia è come tante di quelle che si verificano tra i giovanissimi. Un ragazzo, Alexey Petrov (19 anni), decide di lasciare la sua fidanzata Ekaterina Ivanovka (19 anni) quando s’innamora di un’altra, Anastasia Pospelova (20 anni).

Leggi anche ->Uccide la moglie, il figlio e si toglie la vita: nel torinese va in scena il dramma di un ex Vigile urbano

Convinta di aver perso il grande amore della sua vita, la giovanissima Ekaterina ha continuato a contattare Alexey. I contati tra i due hanno generato una forte gelosia da parte di Anastasia e portato a frequenti e violente discussioni. Stanco di litigare e incalzato dalla fidanzata, il giovane russo ha deciso di provarle la sua lealtà uccidendo l’ex. Di comune accordo, i due giovani l’hanno quindi invitata ad un pic nic per tenderle una trappola.

Leggi anche ->Atto di follia di un 33enne: sequestra la fidanzata e due coinquiline minacciando di ucciderle

Uccide l’ex pugnalandola al cuore come atto di fedeltà per la fidanzata

Il piano era quello di fare ubriacare Ekaterina sino a farla addormentare e quindi ucciderla. La giovane, però, non si è ubriacata e questo ha stravolto i piani dei due folli amanti. A quel punto hanno dovuto improvvisare: Anastasia l’ha bloccata a terra e Alexey l’ha ferita alla gola con un coltello. L’ex, però, è riuscita a divincolarsi prima che la uccidessero ed ha anche chiamato un’amica per chiedere aiuto e dirle che stavano cercando di ucciderla.

Alexey l’ha rincorsa e l’ha pugnalata al cuore, quindi insieme alla fidanzata l’ha strangolata per assicurarsi che fosse morta. Un omicidio folle ed efferato per il quale la coppia è stata portata in carcere. Interrogato dalla polizia, il giovane ha confessato di aver pugnalato Ekaterina ed ora rischia 15 anni di carcere.