La vendetta fai da te dello zio: taglia i genitali al presunto stupratore della nipote

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:25

Venuto a conoscenza dell’aggressione sessuale subita dalla nipote, lo zio è andato a cercare il presunto colpevole e gli ha tagliato i genitali.

Una storia di sangue, violenza e vendetta emerge dall’Indonesia. Tutto comincia quando a Bengkulu City, una ragazzina di 16 anni in lacrime denuncia la violenza sessuale subita dal suo ormai ex fidanzato. L’accaduto giunge alle orecchie dello zio che, senza pensarci un attimo manda a chiamare il ragazzo – anch’esso minorenne – e lo attende in strada. Quando il giovane giunge, l’uomo lo chiude in un angolo e con un coltello gli taglia i genitali.

Leggi anche ->Vent’anni di carcere a una madre mostro russa: aveva venduto a un pedofilo le figlie, assistendo allo stupro

Denunciato alla polizia, lo zio vendicatore è stato arrestato e accusato di aggressione aggravata. Interrogato dalla polizia l’uomo ha confessato di aver mutilato il ragazzo privandolo dei suoi genitali e si è giustificato raccontando che l’ha fatto perché l’adolescente aveva stuprato la nipote. Una storia cruenta che lascia stupiti e senza parole, ma che nel Paese asiatico la vendetta fai da te è ancora considerata da alcuni una forma di giustizia sociale.

Leggi anche ->Tentato stupro in Sicilia: provvidenziale intervento degli avventori di un bar salva una 16enne

Zio vendica la nipote, tagliando i testicoli al presunto stupratore

Portato in ospedale per le cure del caso, il giovane è stato comunque inquisito per stupro ai danni di una minore. Un delitto che in Indonesia viene punito con 15 anni di carcere, ma che nel suo caso, considerato che si tratta di un minore anch’esso, potrebbe essere ridotta di un terzo. Un portavoce della polizia locale, parlando del caso ha dichiarato: “Era furioso perché la nipote era stata stuprata, così lo ha mandato a chiamare e gli ha tagliato i genitali con un coltello multiuso”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!