21enne colombiana posta foto con gufi decapitati: l’ira degli attivisti

Nelle scorse ore gli attivisti di tutto il mondo si sono indignati nel vedere la foto di una giovane colombiana con in mano dei gufi decapitati.

Nei giorni scorsi una 21enne Colombiana ha postato una serie di scatti inquietanti in cui si mostra insieme a dei gufi decapitati. Nella prima delle immagini la giovane si mostra sorridente mentre tiene per le ali un gufo senza testa. In un altra foto la di vede mentre posa con la testa di un gufo nella mano destra ed il corpo in un’altra. In poco tempo quelle immagini disturbanti hanno fatto il giro del web e scatenato l’ira degli animalisti colombiani e del resto del mondo.

Leggi anche ->Coronavirus, la quarantena svuota le città e gli animali se ne impossessano: scimmie si tuffano in piscina

Gli scatti sono stati posti all’attenzione della corporazione regionale autonoma della regione di Sucre, regione in cui è avvenuto l’abuso sui volatili: “Noi supportiamo la cura e la preservazione di questa specie, questa è fondamentale per il nostro ecosistema, poiché ne permette l’equilibrio, motivo per cui invitiamo tutti i cittadini a non stigmatizzare questi animali basandosi sui miti e le leggende che ci sono su di loro”. In molti Paesi del Sud America, infatti, la figura del gufo è legata ad atti di stregoneria e magia nera, motivo per cui vengono cacciati e uccisi.

Leggi anche ->64mila tartarughe in via d’estinzione catturate da un drone nella più grande “orgia” mai filmata

Arrestata la 21enne che posava con i gufi decapitati

In seguito alle numerose segnalazioni giunte, la polizia di Corazal (regione di Sucre, Colombia) ha aperto un’indagine attraverso la quale è riuscita ad identificare la ragazza nelle foto. Si tratta di una giovane di 21 anni il cui nome web corrisponde a La Gata Verdolaga Real Aldana. La ragazza è stata portata in centrale e posta in stato d’arresto. Al momento, però, non si sa né se è stata rilasciata dopo l’identificazione, né quale sia la condanna che effettivamente rischia, poiché al momento non è stato formalizzato un capo d’accusa ben preciso. Non è detto, infatti, che la giovane sia stata l’autrice della crudele esecuzione dei gufi, potrebbe semplicemente aver postato le foto sul suo profilo.