Va in ospedale per un dolore addominale, ragazza scopre di essere un uomo e avere un cancro

Una ragazza di appena 30 anni è andata in ospedale per un dolore addominale ed ha scoperto di avere un cancro e di essere un uomo.

Dalla città di Birbhum (India) arriva una storia di vita che ha dell’incredibile. Una ragazza di 30 anni si è recata in una clinica specializzata per la cura nel cancro quando ha avvertito per un periodo un forte dolore addominale. Dalle prime analisi è emerso che la ragazza aveva quella che viene chiamata in gergo “vagina cieca“, ovvero l’orifizio genitale molto stretto. Tale fenomeno può essere causato da alcune sindromi, tra cui quella conosciuta come Androgen Insensitivity Syndrome.

Leggi anche ->Appello per un donatore di cellule staminali per salvargli la vita: il dramma di Tony, affetto da sindrome di Sezary

Si tratta di una rara condizione genetica per cui il soggetto è tecnicamente un uomo (presenta cromosoma XY) ma esteriormente è una donna. Questo perché i testicoli non arrivano a formarsi e non producono testosterone, dunque gli estrogeni all’interno del corpo donano ai soggetti fattezze femminili perfette. Tuttavia all’interno del loro corpo non presentano utero e ovaie. Si tratta di una condizione genetica rara di cui al momento si conoscono solo 22.000 casi in tutto il mondo.

Ragazza scopre di avere un cancro e di essere un uomo

Consci di questa possibilità, i medici hanno effettuato un test del cariotipo ed hanno scoperto che la ragazza era in realtà un uomo. Le notizie scioccanti tuttavia non si fermavano a questa, poiché da ulteriori analisi i medici hanno scoperto che la paziente aveva un tumore ai testicoli. A quel punto è stato necessario iniziare una cura chemioterapica per cercare di eliminare il tumore dal suo corpo.

Per quanto riguarda la scoperta della rara sindrome, uno psicologo ha consigliato alla ragazza ed al marito di continuare a vivere la vita così come hanno fatto sinora. Successivamente si è scoperto che due delle sorelle dalla madre erano affette da questa sindrome e che anche la sorella minore è affetta da Ais.