Brunetta su Conte: “Una vera maggioranza in Senato non ce l’ha più”. Governo a rischio?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:06

Sulla tanto chiaccherata ipotesi della crisi di governo interviene Brunetta, che chiede a Conte la condivisione di una strategia per il Paese anche con il centro destra, che altrimenti non voterà un nuovo scostamento di bilancio

Renato Brunetta, intervistato da Paolo Bracalini per il Giornale, è deciso a mettere in chiaro il suo punto di vista nei confronti dell’atteggiamento di Conte, al quale ha voluto lanciare un appello, ma anche un monito.

La spinosa questione della maggioranza in Senato

La partita aperta della tenuta del governo ora è tutta da giocarsi nella camera del Senato, nella quale il governo non ha una maggioranza effettiva. Ed è proprio su questo aspetto che Brunetta, fra l’altro uno degli animi del centro destra maggiormente aperti al dialogo col governo, pungola Conte: “Se Conte pensa di chiedere altri venti miliardi avendo il nostro voto per fare poi quello che vuole, si sbaglia di grosso. Già abbiamo votato 80 miliardi che hanno consentito al governo tre decreti, il Cura Italia, il Dl Liquidità e il Rilancio, nei quali non è stato recepito neanche un emendamento del centrodestra, tutti respinti […] perchè sia chiaro, da due mesi Conte una vera maggioranza in Senato non ce l’ha più”.

Brunetta chiede a Conte una strategia accordata con l’opposizione

Ma l’ex ministro e deputato azzurro non mostra un interesse nel favorire la caduta del governo, che anzi ritiene che potrebbe essere disastrosa in un momento come questo: fra un attacco e l’altro a Conte, però, lancia anche un appello al premier: “La condivisione di una strategia complessiva per il paese, concordata insieme all’opposizione. Abbiamo due mesi decisivi davanti a noi, per l’Europa ma ancor di più per noi. O Conte dimostra di essere il premier di un paese unito e coeso, oppure per l’Italia non ci sarà speranza” e aggiunge in seguito “Lo dico a Conte da quattro mesi: trova un percorso di condivisione, fai che i prossimi decreti abbiano doppi relatori, uno della maggioranza e uno dell’opposizione, e costruiamo il piano per l’Europa insieme. Se non lo fa si troverà in un vicolo cieco. Ora deve fare tutto e subito. O sarà troppo tardi”.

Leggi anche -> Niente riferimento al Mes? Forza Italia avverte Conte: “Non voteremmo lo scostamento di bilancio”

Leggi anche -> Scuola, parla Conte: “E’ normale ci sia molta preoccupazione”. Poi una battuta: “Non possiamo dirvi di abbraciarvi”

Leggi anche -> “Sosterrò Giuseppe Conte qualsiasi cosa faccia”: Grillo perentorio scende in campo contro Di Battista

Leggi anche -> Sondaggio Ipsos: M5S con Conte primo partito in Italia. E il centrodestra inseguirebbe

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!