Instant karma: cacciatore di trofei australiano uccide un bufalo che prima di morire gli inferisce una teribile ferita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:01

Cacciatore ferito dall'animale che aveva appena colpito

Un cacciatore di trofei australiano è rimasto ferito dopo che il bufalo a cui aveva appena lanciato due frecce lo ha colpito a sua volta.

Chris McSherry, un cacciatore australiano, ha colpito all’animale a Port Bradshaw, appena al largo della costa orientale del Territorio del Nord.

L’uomo ha colpito l’animale con due frecce, ferendolo a morte. Con un ultimo sforzo però l’animale si è mosso, ferendo il cacciatore 35enne al ginocchio e provocandogli un altra enorme ferita appena sotto il sedere. Lo squarcio, di 8 pollici, è stata causata dal corno di bufalo che ha impalato l’uomo.

La dinamica dell’incidente dopo che il bufalo si è ribellato

McSherry aveva seguito la scia di sangue lasciata dal bufalo ferito, contro cui ha lanciato altri due colpi. Quando pensava di averlo ormai ucciso, l’animale ha invece caricato l’uomo colpendolo due volte.

Il Daily Star ha riportato il racconto che l’uomo ha fatto alla NT News australiana: “Sono riuscito a girarmi e fare circa tre passi prima che lui mi fosse addosso, colpendomi con le sue corna nella parte superiore della coscia, spingendomi in avanti”. L’animale ha poi colpito di nuovo l’uomo che era caduto a terra, infilzandolo nella gamba destra e lanciandolo per circa tre metri.

Il bufalo è morto poco dopo, mentre Chris è stato condotto nel più vicino ospedale e poi trasferito in una struttura più grande, dove ha subito un intervento chirurgico.

L’uomo racconta che il bufalo gli ha lasciato alcune ferite, tra cui “un buco grande quanto una lattina di Coca Cola sopra la parte anteriore del ginocchio e uno squarcio di 8 pollici proprio sotto il sedere”. Probabilmente l’uomo necessiterà di innesti di pelle. Nonostante quanto accaduto, Chris ha fatto sapere che tornerà a caccia il più presto possibile.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!