Stalker versa acido addosso a mamma e figlia in una terrificante aggressione

Uno stalker rifiutato per l’ennesima volta dalla donna da cui è ossessionato, le ha gettato addosso una bottiglia di acido, bruciando viva lei e la figlia.

Sabato scorso Ana Mari, mamma 35enne di due bambine, si trovava nel suo appartamento di Sant Feliu du Guíxols insieme ai genitori e alle figlie. Ad un tratto ha sentito il rumore di qualcosa che impattava il vetro della finestra. La donna ha immediatamente compreso che si trattava dell’uomo di 45 anni che da qualche tempo a quella parte la stalkerizzava. Stanca delle sue attenzioni indesiderate, Ana si è affacciata alla finestra e quando l’ha visto a metà della scala esterna è uscita per pregarlo di andarsene.

Leggi anche ->Svegliato da un uomo che gli succhiava le dita dei piedi, aggressione feticista oltreoceano: la storia

In passato l’uomo non era mai stato aggressivo e la giovane mamma è scesa per spiegargli che in casa c’erano i genitori e doveva andare via. Questo, però, non ha accettato in silenzio l’ennesimo rifiuto: le ha lanciato contro una bottiglia contenente acido. Ana ha avuto un riflesso ed ha frapposto il suo corpo a quello della figlia di 5 anni che teneva in braccio. Ciò nonostante il liquido corrosivo ha causato ustioni sia a lei che alla piccola.

Leggi anche ->Paura in strada, ragazza aggredisce un giovane con l’acido: ricoverato con ustioni e bruciori

Mamma aggredita con l’acido da uno stalker: è caccia all’uomo

I genitori della donna hanno immediatamente chiamato i soccorsi e la polizia per denunciare l’accaduto. La mamma e la piccola sono state portate in ospedale d’urgenza e si trovano tutt’ora ricoverate. I danni maggiori li ha subiti la donna: ha riportato ustioni su tutto il corpo ed in viso, inoltre ha perso la vista dall’occhio sinistro. La bimba ha subito ustioni alle labbra e agli occhi.

Intervistata dai media locali, Ana riferisce cosa è successo: “I miei genitori erano venuti per passare un weekend insieme ed erano molto spaventati. Gli ho detto di andarsene. Si trovava metà scala e sono scesa per discutere con lui. No sapevo che aveva qualcosa addosso, altrimenti non sarei scesa. Ci ha buttato una bottiglia di acido addosso e ci ha bruciate vive. Ho perso la vista dall’occhio sinistro ed ho bruciature sulla testa e sul corpo. Grazie a dio mia figlia di 2 anni non è stata colpita”.