Guida ad alta velocità urlando “Sono Gesù”, prima di travolgere ed uccidere un 87enne

Un folle ha travolto ed ucciso un uomo di 87 anni dopo aver guidato per tutto il quartiere ad alta velocità e proclamandosi Gesù Cristo.

Il video della dashcam del 39enne Gavin Collins, risalente allo scorso 19 aprile, è stato pubblicato in queste ore dal tabloid ‘Nottinghamshire Live’. In questo si vede l’uomo con occhi spiritati che guida l’auto per le vie della città di Mansfield Woodhouse (Inghilterra). Non è chiaro cosa lo abbia spinto a guidare come un folle per le vie cittadine durante il Venerdì Santo, fatto sta che dalle immagini si percepisce che sta andando ad una velocità sostenuta.

Leggi anche ->31enne travolge e uccide pedone ma al papà dice: “Ho preso una buca”

Durante quei 30 minuti di folle corsa, l’uomo urla frasi prive di senso, dimostrazione che in quel momento aveva perso lucidità. Gavin, infatti, ripete in continuazione: “Andiamo, andiamo, sono infuriato. Io sono Gesù, sono il discendente di Dio“. E ancora: “Guardate come vado, divento via via sempre più forte”. La corsa dell’uomo è culminata in un incidente che ha coinvolto un uomo ignaro di quanto stava accadendo. Il sedicente erede divino ha infatti investito l’87enne Terry Radford mentre faceva una passeggiata vicino casa.

Leggi anche ->Investe e uccide l’uomo che ha minacciato il figlio, arrestato operaio di Imola

Sedicente Gesù Cristo condannato per omicidio stradale

Il video mostra anche il momento in cui gli agenti ordinano a Gavin di uscire dall’auto con le mani in alto. Questo, però, non obbedisce all’ordine dei poliziotti, costringendoli ad usare il taser per immobilizzarlo e arrestarlo. Il video è stato pubblicato in queste ore perché Collins è stato condannato per omicidio stradale a 14 anni di carcere. Concluso il periodo di reclusione, potrà richiedere la libertà sulla parola.

Il pensiero di tutti, ovviamente, va alla famiglia del signor Radford. In un commovente comunicato, proprio i familiari lo descrivono come un uomo eccezionale: “Siamo assolutamente devastati dalla scomparsa di uno straordinario padre e nonno che era amato e rispettato da tutti. Per  la nostra famiglia era un punto di riferimento. Aveva 87 anni ma era ancora molto intelligente, divertente e articolato”.