Terribile caso di femminicidio: suona alla porta della ex e le spara, morta a 41 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:50

uccide l'ex moglieUn uomo è accusato dell’omicidio della sua ex moglie. Secondo quanto emerso le avrebbe suonato per poi aprire il fuoco non appena la donna ha aperto la porta

Ha suonato alla porta di casa, aspettando che aprisse la porta per poi estrarre l’arma da fuoco ed ucciderla. È il drammatico epilogo di un nuovo caso di femminicidio avvenuto nel comune di Cerignola, in provincia di Foggia. L’autore del terribile gesto è infatti un 44enne, marito della vittima, che l’avrebbe raggiunta nel suo appartamento in via Fabriano per freddarla: la donna deceduta si chiamava Nunzia Compierchio e aveva 41 anni. Sul posto sono intervenute le volanti della polizia per raccogliere rilievi e testimonianze e nell’arco di poche ore l’attenzione si è concentrata sul 44enne, che nel frattempo si era rifugiato a casa del padre dove è stato raggiunto e trovato in possesso di un’arma da fuoco modificata.

L’assassino in commissariato per l’interrogatorio

L’autore del gesto si chiama Angelo Di Meo ed è accusato di omicidio. Condotto in commissariato, è stato interrogato per chiarire la dinamica dei fatti: secondo quanto emerso i due si erano separati; lui avrebbe raggiunto la ex a casa aspettando che aprisse la porte per spararle, e poi raggiungendo l’abitazione del padre dove è rimasto finchè gli uomini del commissariato lo hanno trovato e arrestato.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!