Coronavirus, scala dei rischi: ecco le attività quotidiane più pericolose dal take away al pub

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:11

Un gruppo di ricercatori ha creato una scala che mostra quali sono le attività che comportano il maggiore rischio di contrarre il coronavirus.

Già dal mese di maggio in Italia stiamo vivendo nella fase due della diffusione epidemica del Coronavirus. Il timore era che la riapertura delle attività potesse portare a nuove ondate di contagio. Tuttavia finora, esclusi alcuni piccoli focolai che sembrerebbero sotto controllo, i numeri condivisi quotidianamente dalla Protezione Civile sono incoraggianti. Possiamo dunque stare tranquilli e mettere alle spalle il virus? Al momento pare sia presto per cantare vittoria, in quanto il virus continua a circolare e la possibilità di un nuovo picco non sono del tutto scongiurate.

Leggi anche ->Pandemia di Coronavirus, report dell’UN: “Altamente prevedibile, ce ne saranno delle altre”

Cosa fare allora? Bisogna vivere la vita con tranquillità tenendo presente quali sono le indicazioni fornite da governo e cts che permettono di allontanare il rischio di contagio. Atteniamoci dunque alle distanze di sicurezza e indossiamo le mascherine nei luoghi chiusi, inoltre dobbiamo avere maggiore cura dell’igiene delle mani (regola che comunque è valida in assoluto). Un gruppo di medici americani, inoltre, ha creato una scala dei rischi che permette alle persone di conoscere quali sono le attività maggiormente sicure. Andiamo dunque a dare un’occhiata alla scala per renderci conto quando siamo in una situazione di rischio maggiore.

Leggi anche ->“Mio padre ha sbagliato”, parla il figlio dell’imprenditore veneto ricoverato per Coronavirus

Coronavirus: quali sono le attività più a rischio?

Stando alla tabella stilata dai ricercatori medici, basandosi sul numero di possibili affluenti e sulle possibilità di mantenere le distanze di sicurezza. Ovviamente gli studiosi hanno assunto che le persone coinvolte nelle attività tengano fede alle indicazioni di sicurezza per quanto loro possibile. Ciò che ne emerge è che le attività più sicure riguardano lo smartworking, il comprare cibo take away o addirittura ordinarlo da casa. A livello medio-basso di rischio troviamo: uscire a fare una passeggiata, giocare a golf e mangiare in un ristorante all’aperto.

Per quanto riguarda il rischio medio troviamo attività come lavorare in un edificio, andare in spiaggia o a fare shopping. Il rischio diventa medio-alto, invece, quando andiamo dal barbiere, voliamo in aereo o giochiamo a calcio. Per quanto riguarda le attività a rischio massimo infine troviamo: lavorare in una palestra, andare ad un concerto o in un pub.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!