Zanardi: settimana prossima forse fuori dal coma farmacologico

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:12

Zanardi uscita comaRiducendo gradualmente la sedazione, Zanardi potrebbe uscire dal coma farmacologico nei prossimi giorni. I medici potranno così valutare il quadro neurologico

Si valuta una possibile uscita dal coma farmacologico indotto per Alex Zanardi, già sottoposto a tre delicate operazioni chirurgiche dopo il grave incidente avvenuto in Toscana lo scorso 19 giugno nel corso della staffetta di Obiettivo Tricolore. L’ex campione di F1, andato a scontrarsi contro un camion mentre si trovava sulla sua handbike, è ricoverato da settimane in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva del policlinico universitario di Santa Maria alle Scotte di Siena; al suo fianco la moglie e il figlio, accanto a Zanardi sin dai minuti immediatamente successivi l’incidente, in seguito al quale le condizioni di Zanardi sono sempre rimaste stabili, pur con un quadro neurologico definito dai medici molto grave.

Zanardi già operato tre volte: gli hanno ricostruito le ossa della faccia

La novità è però importante: a partire dalla prossima settimana, probabilmente martedì, i medici potrebbero iniziare a ridurre la sedazione allo scopo di risvegliarlo gradualmente dal coma farmacologico. Nel corso dell’ultimo intervento è stato ricostruito il cranio oltre a tutte le ossa facciali. A tal proposito il professor Gennaro aveva spiegato: “Gli hanno ricomposto le ossa della faccia pezzo per pezzo, ricorrendo alle strumentazioni più sofisticate e precise così da rispettare la fisionomia del paziente. Una situazione singolare, anche se si tratta di una tipologia di fratture che nel nostro centro affrontiamo spesso”. Una prima operazione era stata effettuata poche ore dopo l’incidente seguita, alcuni giorni dopo, da un secondo intervento. Ridurre la sedazione consentirà ai medici di valurare il quadro neurologico di Zanardi.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!