Ucciso durante l’età del ferro, ritrovato lo scheletro. L’uomo gettato in un fosso con le mani legate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38

scheletro uomo uccisoRinvenuto uno scheletro ritenuto vittima di un omicidio durante l’età del ferro.

La scoperta è stata fatta dagli archeologi che lavorano al progetto HS2. Lo scheletro è stato portato alla luce durante i lavori di scavo alla Wellwick Farm vicino a Wendover, nel Buckinghamshire.

Gli archeologi hanno trovato le ossa di un maschio adulto sepolto a faccia in giù in una fossa, con le mani legate sotto il bacino. L’insolita posizione di sepoltura suggerisce che l’uomo, risalente all’età del ferro, potrebbe essere stato vittima di un omicidio o di un’esecuzione.

Gli osteologi stanno attualmente esaminando lo scheletro per scoprire ulteriori prove che accertino queste ipotesi.

Trovato anche un monumento che ricorda Stonehenge

Gli archeologi hanno confermato anche altre scoperte nel sito, tra cui un monumento circolare in legno che ricorda il layout di Stonehenge.

“Sapevamo già che il Buckinghamshire è ricco di archeologia ma scoprire un sito che mostra attività umane di 4.000 anni fa ci ha davvero sorpresi – afferma la dott.ssa Rachel Wood, archeologa del progetto – La morte dell’uomo della Wellwick Farm rimane un mistero per noi, ma non ci sono molti modi in cui si finisce in una fossa, a faccia in giù, con le mani legate”.

Le opere archeologiche hanno rivelato prove di attività umane che vanno dal Neolitico al periodo medievale, come riportato dal Mirror.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!