“47 Ronin”, curiosità sul film che va in onda stasera: cosa significa “Ronin”?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:29

Stasera, su Italia1, verrà trasmesso in prima serata (ore 21:20) il film “47 Ronin”. Scopriamo altri dettagli su questa pellicola che ci catapulta nel magico Giappone dei samurai

47 Ronin”  il titolo di un film coprodotto da Giappone e Stati Uniti d’America e uscito nelle sale cinematografiche per la prima volta nel 2013 (nel 2014 in Italia). La pellicola è stata diretta dal regista Carl Rinsch e nel cast figurano nomi stellari quali quello di attori giapponesi e dell’attore canadese Keanu Reeves. La storia che il film tratta è una storia che trae spunto da dei fatti realmente accaduti: siamo nel Giappone feudale del XVIII secolo e il 47 Ronin, cioè il nome con il quale si identifica un gruppo di samurai, decide di agire per vendicare l’uccisione del loro daimyō. Stasera, alle ore 21:20, Italia1 lo manderà in onda: cerchiamo di scoprire qualcosa in più.

“47 Ronin”: giochi di potere, vendette e un amore contrastato per Keanu Reeves

Un film a metà strada tra storia, azione e fantasy che non ha convinto perché il cast coinvolto nella produzione è stellare ma tutto l’andamento della storia è noioso e i personaggi non hanno uno spessore adeguato. Si potrebbero riassumere così alcune delle critiche mosse a “47 Ronin”, film prodotto da Giappone e Stati Uniti d’America e uscito nelle sale sette anni fa. Ne parliamo perché questa sera chiunque lo desideri potrà guardarlo sintonizzandosi su Italia1, alle ore 21:20.

La trama (che cercheremo di non spoilerare troppo) si muove portando alla ribalda la società tardo feudale del Giappone del XVIII secolo, la presenza di magia e creature non di questo mondo (come ogni fantasy che si rispetti) e gli immancabili giochi di potere che innescano tutte le azioni drammatiche che danno sostegno alla storia: la volontà di dominio del cattivo e una conseguente sete di vendetta dei buoni. E, ovviamente, la mitica figura del samurai.

Kai (Keanu Reeves) è il protagonista di queste peripezie: giovane di sangue misto (inglese e giapponese) e per questo non troppo ben visto, Kai è stato adottato quando era piccolo da Asano Nagakori, signore del dominio di Akō. Quest’ultimo diventa l’obiettivo dello Shōgun e di Lord Kira (suo maestro delle cerimonie) che desiderano mettere le mani sui suoi possedimenti.

La morte di Asano, che come vedremo sarà condannato alla pena capitale, farà sì che i suoi domini passino nelle mani di Lord Kira, il quale sposerà Mika. La giovane è la figlia di Asano e ama (ricambiata) Kai. Da qui la voglia dei ronin, i samurai, di ordire una vendetta atta a colpire l’ursurpatore.

“47 Ronin”, grande impegno di Hollywood che al botteghino fece registrare un flop

La gestazione del film ha richiesto svariati anni di lavoro. Risale al 2008 l’annuncio col quale la Universal Pictures annunciò di aver scritturato Keanu Reeves per affidargli la parte del protagonista Kai. L’annuncio faceva riferimento anche a Chris Morgan, mobilitato in qualità di sceneggiatore. Carl Rinsch venne investito dell’incarico della regia nel 2009, l’anno successivo, e per lui si è trattato di un vero e proprio battesimo del fuoco dal momento che parliamo del primo lungometraggio che ha avuto la possibilità di dirigere. Alle mani e alla creatività di Penny Rose è stato affidato il comparto costumi.

Nonostante il grande sforzo profuso e la spesa sostenuta dalla produzione (175 milioni di dollari), il film ha convinto poco la critica e ha guadagnato solo 151 milioni di dollari al botteghino. La pellicola è stata annoverata tra i flop collezionati nel 2013 dal grande circuito di produzione holliwoodyana.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!