Gli alti ufficiali imputati sono tutti regolarmente in servizio: lo sfogo di Ilaria Cucchi su Facebook

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:22

Ilaria Cucchi

Ilaria Cucchi torna a parlare sul processo per la morte del fratello Stefano e punta il dito contro l’Arma con un post su Facebook.

Torna a parlare Ilaria Cucchi del processo per la strana morte del fratello Stefano, avvenuta a Roma qualche anno fa, questa volta però la donna punta il dito contro l’Arma.

Lo fa con un post realizzato sul proprio profilo Facebook che indica alcuni punti importanti sui Carabinieri coinvolti.

La strana morte di Stefano Cucchi

Quella di Stefano Cucchi è senza dubbio una morte strana, uno di quei misteri italiani che non riescono a risolversi. Il ragazzo è morto il 22 ottobre 2009 a Roma, proprio mentre il giovane era in custodia cautelare. Le cause del decesso sono ancora oggi avvolte nel mistero e nel silenzio con vari procedimenti giudiziari, dove protagonisti sono i medici dell’ospedale ‘Pertini’ della capitale ma anche l’Arma dei Carabinieri.

LEGGI ANCHE -> Gli alti ufficiali imputati sono tutti regolarmente in servizio: lo sfogo di Ilaria Cucchi su Facebook

I fatti risalgono al 15 ottobre del 2009, quando il romano Cucchi viene fermato da cinque carabinieri, dopo essere stato visto a Emanuele Mancini delle confezioni trasparenti. Portato in caserma gli vengono sequestrate delle bustine contenenti 20 grammi di hashish. Durante il processo del giorno dopo Stefano Cucchi fatica a camminare e non sta bene, ma non rivela di essere stato picchiato. Le sue condizioni peggiorano e il ragazzo viene trasportato al ‘Fatebenefratelli’ dove morirà.

Ilaria Cucchi pumnta il dito sull’Arma: il lugo post su Facebook

Nelle scorse ore la sorella Ilaria Cucchi, che da anni sta dando battaglia per avere giustizia del fratello e capire cosa gli è veramente capitato, ha messo nel mirino ancora una volta l’Arma dei Carabinieri. La donna lo ha fatto con un lungo post sul proprio profilo Facebook, dopo un comunicato stampa dei carabinieri uscito poco prima che contesta quanto dichiarato da un test durante l’udienza.

LEGGI ANCHE -> Ilaria Cucchi minacciata di morte sui social: Salvini cosa dice?”

Vorrei si capisse che in questo processo stanno deponendo per l’accusa semplici carabinieri e sottoufficiali. Sono di fronte ai loro superiori difesi dai propri avvocati. Gli alti ufficiali imputati sono tutti regolarmente in servizio. Ora arriva addirittura un comunicato del comando generale dell’Arma che contesta quanto dichiarato da un teste all’udienza scorsa. L’irritazione del Pubblico Ministero è evidente. Comincio a chiedermi quale possa essere il ruolo dell’Arma costituita parte civile in questo processo“.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!