Rodrigo Alves, da Ken a Barbie e ora che si chiama Jessica dichiara: “Voglio un figlio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:33

Rodrigo Alves, conosciuto meglio come “Il Ken umano”, ha quasi completato la transizione per diventare donna. Si fa chiamare Jessica e vuole un figlio.

Nato in Brasile nel 1983, Rodrigo Alves si è trasferito a Londra per studiare economia quando aveva 19 anni. Con il passare del tempo il suo desiderio di somigliare a ‘Ken‘ (la bambola della Mattel) lo ha spinto a sottoporsi a numerosi e dolorosi interventi chirurgici. Proprio grazie a questa trasformazione il brasiliano è diventato un personaggio pubblico ed è stato ospite di diverse trasmissioni televisive in ogni parte del mondo. Nel 2018 ha persino partecipato alla versione italiana del Grande Fratello Vip condotto da Barbara D’Urso.

Leggi anche ->Ennesima operazione per il “Ken umano”. Rimossi 200 fili e 5 cm di pelle dalla sua faccia

Alla base di tutti questi cambiamenti fisici c’era un sentimento d’insoddisfazione per il proprio corpo che aveva radici nella sessualità. Ospite del programma britannico ‘This Morning‘, Rodrigo Alves questa mattina ha spiegato che non si è mai sentito “Ken”, ma “Barbie“. Questo sentimento lo faceva vivere male e quando non lo vedeva nessuno era solito indossare vestiti da donna. Motivo per cui da qualche tempo a questa parte ha deciso di cambiare sesso ed ha cominciato un percorso chirurgico di “femminizzazione”.

Leggi anche ->Il Grande Fratello costa caro al “Ken umano”: disavventura post reality per lui

Ken Umano cambia sesso: adesso si chiama Jessica

L’ultimo intervento effettuato è costato 25.000 sterline ed ha permesso a Jessica (questo adesso il suo nome) di cambiare i connotati del viso per assumere un aspetto più femminile. Nei mesi scorsi il personaggio pubblico aveva già subito un intervento per ampliare il seno e cambiare sesso. Da diverso tempo sta seguendo una cura ormonale per completare la transizione e dopo qualche altro piccolo ritocco potrà finalmente ottenere l’aspetto che desidera.

Parlando della sua decisione ha spiegato: “Ero molto infelice, dovevo ottenere la transizione o morire. Non c’era una terza via. Devo ancora effettuare due o tre interventi per completarla, dopo giuro che ho smesso con le operazioni chirurgiche”. Una volta ultimato il processo, Jessica spera di trovare quella serenità tanto agognata in questi anni. Ma spera anche di poter riuscire a realizzare un ultimo desiderio: “Mi piacerebbe avere un bambino”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!