Ancora paura Coronavirus in Spagna: 938 casi solo in Catalogna, scatta il lockdown

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:56

nuovo lockdown per 160mila personeNuova ondata di contagi in Catalogna: dopo una battaglia legale è stato confermato il lockdown per otto comuni. Misure restrittive per 160mila residenti

La Spagna sta facendo i conti con nuovi focolai “importanti” di Coronavirus e la situazione è preoccupante in particolare in Catalogna dove le autorità sanitarie hanno confermato che ci sono stati 938 casi positivi. Una situazione che rischia di peggiorare rapidamente e che ha spinto le autorità a disporre nuovi lockdown, allo scopo di bloccare la diffusione del contagio. L’incremento dei casi è stato confermato dal Dipaerimento della Salute citato dall’agenzia Efe e fa riferimento alle ultime 24 ore: 246 casi sono stati registrati nella regione sanitaria di Barcellona e 199 a Lleida. Le autorità hanno spiegato che alla base dell’aumento dei contagi accertati vi è l’incremento del numero dei test in particolare sugli asintomatici ma resta il fatto che si tratta di un numero di casi importante ed estremamente preoccupante.

misure restrittive anti-CovidIl governo locale si rifiuta di chiamarlo lockdown: “Confinamento domiciliare”

In Catalogna era stato, alcuni giorni fa, ordinato il lockdown in otto comuni, in seguito sospeso dal tribunale che l’ha considerato una “misura sproporzionata” perchè non vi è lo stato d’emergenza. Ne è nata una estenuante battaglia legale al termine della quale le autorità hanno ricevuto il via libera per imporre una nuova quarantena ai residenti della regione di Lleida, 160mila persone in tutto. Oltre alla città di Lleida le misure restrittive riguardano altri sette comuni della zona di Segrià ovvero Alcarràs, Soses, Seròs, Aitona, La Granja d’Escarp, Massalcoreig e Torres de Segre. Dal canto suo il governo locale ha parlato, più che di lockdown, di un “confinamento rigorosamente domiciliare” (parole della consigliera della presidenza Meritxell Budo). Una misura restrittiva parziale dal momento che non impedisce alle persone di uscire “per una passeggiata e per fare esercizio fisico” e che inoltre “tutti i negozi sono aperti”. Ma la politica ha sottolineato che non bisogna uscire a meno che non sia strettamente necessario e che i cittadini devono essere “corresponsabili della decisione”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!