Chi è stata Giulia Maria Crespi, la fondatrice del FAI morta a 97 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:55

Maria Giulia Crespi

E’ morta a 97 anni Giulia Maria Crespi.

Nata a Merate, in provincia di Lecco, nel giugno del 1923, Giulia Maria Crespi è stata una personalità molto interessante della alta borghesia tricolore.

Basta fare qualche breve ricerca su internet per poterne apprezzare alcune sfaccettature.

Innanzitutto, proprio la sua grande personalità: durante la sua gestione del Corriere della Sera (all’inizio degli anni ’70, quando gestì il quotidiano al posto del padre Aldo, malato) fu soprannominata la “zarina” per aver adottato una linea che definiremmo decisionista.

Il giornale virò a sinistra dopo anni di editoriale e programmatica equidistanza, il direttore Giovanni Spadolini fu licenziato nel 1972 e nel 1973 dal quotidiano fu allontanato Indro Montanelli (che per tutta risposta la definì “dispotica guatemalteca”).

L’allontanamento di Montanelli portò in seguito alla fondazione de Il Giornale Nuovo (poi divenuto semplicemente Il Giornale).

Ma il motivo per cui Giulia Maria Crespi viene ricordata – ancor più quest’oggi – è l’essere tra i fondatori del FAI (Fondo Ambiente Italiano, fondazione nata nel 1975) di cui è stata presidentessa onoraria.

Figura antesignana dell’ambientalismo tricolore, in una intervista rilasciata a ‘La Repubblica’, parlava così di Greta Thunberg, concettualmente una sua erede: “Gli uomini sciocchi, rancorosi e vecchi ne parlano male. La deridono. Io invece adorerei conoscerla questa magnifica ragazzina di 16 anni che sta scuotendo il mondo. Mi piacciono i suoi occhi, il suo tono, il suo calmissimo furore”.

Nel 2013 è stata insignita del titolo di Cavaliere della Repubblica di iniziativa del Presidente della Repubblica. “Per il notevole impegno civile, sociale e culturale a favore della collettività”.

In una delle sue ultime interviste, invece, parlava così del Coronavirus: “Ci fa capire come da un giorno all’altro tutto quello che avevamo può non esserci più. La nostra civiltà retta sul denaro e sulla finanza può crollare da un momento all’ altro, le cose che avevano valore di colpo non ne hanno più e si comincia a dare un senso a quel che abbiamo trascurato”.

Giulia Maria Crespi, vita privata

E’ stato spostata con il conte Marco Paravicini, padre dei suoi gemelli Aldo e Luca, ma il matrimonio durò solo 4 anni perché il conte morì in un incidente.

È stata quindi sposata dal 2 giugno 1965 con l’architetto nobile Guglielmo Mozzoni (morto nel 2014).

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!