Riscaldamento globale, tra 80 anni gli orsi polari non ci saranno più: l’allarme degli esperti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:24

L’anomalo surriscaldamento che sta investendo il pianeta Terra è destinato ad aggravarsi ancora e a portare all’estinzione delle specie animali abituate a vivere tra i ghiacci. In primis gli orsi polari

Il surriscaldamento globale è un problema reale che non solo tra pochi anni causerà un fatale innalzamento dei livelli di mari e oceani ma che sta  anche costringendo gli animali ad adattarsi ai cambiamenti subiti dal loro habitat. Delle nuove ricerche condotte da un team di specialisti dell’Università di Toronto danno un quadro allarmante del futuro che le prossime generazioni dovranno aspettarsi: tra 80 anni non esisteranno più gli orsi polari. Gli animali, in mancanza del ghiaccio che si va sciogliendo a causa delle calde temperature che hanno investito il Polo Nord, sono costretti a rifugiarsi a terra e a vivere nutrendosi del loro grasso corporeo. Situazione, questa, che tra pochi decenni causerà l’estinzione della specie.

L’orso polare si estinguerà entro il 2100, il riscaldamento globale sta riducendo alla fame la specie

Uno studio realizzato dall’Università di Toronto, pubblicato sul magazine “Nature Climate Change” e citato dal New York Times, ha lanciato uno dei terribili allarmi che non avremmo mai voluto leggere: l’orso polare è a un passo dall’estinzione. Quando succederà? Secondo gli esperti che hanno monitorato la situazione manca meno di un secolo. La data critica sarebbe quella del 2100.

La causa della scomparsa dell’orso bianco, uno dei due mammiferi carnivori più grandi esistenti sulla terraferma insieme all’orso kodiak, si dovrà rintracciare nel surriscaldamento globale che sta sciogliendo i ghiacci del Circolo Polare Artico. Le speranze di salvare la specie sono davvero poche, se non nelle regioni più a nord del Circolo: lo ha affermato Peter Molnar, uno degli autori della ricerca.

L’orso polare si estinguerà entro il 2100: gli animali, per fame, sono arrivati a mangiarsi tra loro

Attualmente, sul pianeta esistono solamente 26mila esemplari di orsi polari, suddivisi in 19 sottopopolazioni. Gli studiosi hanno osservato che dal 1979 fino al 2016 le condizioni di salute degli animali sono peggiorate, e anche dati che riguardano la riproduzione e i livelli di sopravvivenza sono calati a picco.

Gli orsi che si trovano più a sud, in mancanza di ghiacci, sono costretti a spingersi fino alla riva. Ma qui manca il cibo di cui solitamente si nutrono e la conseguenza è che questi animali stanno morendo di fame. Alcuni orsi sono riusciti a sopravvivere sfruttando la loro riserva di grasso corporeo. Ovviamente, non trovando cibo per rimettersi in forze alla lunga andranno incontro alla morte. In diversi casi si sono osservati fenomeni di cannibalismo: gli orsi polari, stremati dalla fame, hanno iniziato a cibarsi gli uni con gli altri.

Cosa fare per impedire l’estinzione, almeno in questo secolo? Ridurre le emissioni di carbonio nell’atmosfera, e quindi cercare di dare un freno ai cambiamenti climatici in atto.

Maria Mento

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!