Partorisce con la Covid-19 ed entra in coma: dopo quattro mesi può abbracciare sua figlia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:41

abbraccia la figlia dopo 4 mesiUn donna contagiata dal Coronavirus mentre era in gravidanza, ha partorito dopo essere entrata in coma. Quattro mesi dopo, negativa al test, ha abbracciato la piccola

Ha dovuto attendere quattro mesi per poter abbracciare per la prima volta la sua bambina. La storia a lieto fine ha un avvio drammatico: è quella di Hafiza, una donna originaria del Bangladesh ma che da anni vive a Palermo e che in seguito al ricovero all’ospedale Cervello è risultata positiva alla Covid-19. Il test ha confermato il contagio in seguito al suo rientro in Italia da Londra, avvenuto alla fine del mese di maggio. Come riportato dal Corriere della Sera Hafiza, incinta, ha dato alla luce Raisha alla trentesima settimana, dopo che i medici hanno optato per un taglio cesareo d’urgenza in seguito al peggioramento delle sue condizioni. Appena nata la piccola Raisha è stata trasferita nel nosocomio di Taormina mentre la madre, entrata in coma, è rimasta a Palermo.

La neonata è stata trasferita all’ospedale di Taormina

Come sottolineato dal primario del Centro cardiologico pediatrico del Mediterraneo “Bambino Gesù” di Taormina “la piccola è stata ricoverata per una lieve anomalia congenita cardiaca e operata: ‘I colleghi di Palermo sono stati straordinari, anche nel portare avanti questa scelta complessa. Dopo aver completato tutti gli esami, e tenendo conto del basso peso della piccola e della necessità di operarla nel pieno benessere, evitando possibili infezioni, l’abbiamo operata qui a Taormina”. Dopo quattro mesi Hafiza, fortunatamente fuori pericolo, è risultata negativa al tampone e ha potuto finalmente tenere tra le sue braccia la figlia per la prima volta, come testimoniato da un video dell’incontro postato sulla pagina Facebook “Cardiochirurgia Pediatrica Sicilia”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!