La storia dell’orso M49, o Papillon, scappato per la seconda volta dal centro Casteller

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

orso M49 papillonUn anno dopo la sua prima fuga, l’orso M49 è nuovamente fuggito dal recinto del Casteller. 

Il profumo di libertà, ancora una volta, ha prevalso su tutto. Anche sul fatto che l’animale era stato castrato dopo la prima fuga, avvenuta lo scorso anno dopo essere stato catturato per un’escalation di predazioni messe a segno dall’orso.

M49 ha dapprima superato la barriera elettrica del recinto e si è diretto verso l’ultima recinzione. La Provincia di Trento, come riportato anche dal quotidiano “La Repubblica”, spiega che l’orso “ha divelto la rete elettrosaldata piegando l’inferriata dello spessore di 12 millimetri fino a ricavarne un’apertura sufficiente per scivolare all’esterno”.

L’orso M49 ribattezzato “Papillon” per la sua abilità nel fuggire

In occasione della sua prima fuga, invece, l’orso M49 aveva praticamente scavalcato la recinzione: qualcosa di incredibile, se si tiene conto dell’altezza della recinzione del Casteller. Anche per questa sua propensione alla fuga, M49 è stato ribattezzato “Papillon”.

L’orso è stato già individuato in un’area della Marzola dai ranger trentini, che gli stanno dando la caccia. Questa volta la fuga dell’animale dovrebbe avere vita breve, dato che M49 è stato dotato di un radiocollare che consentirà ai ranger di intervenire a stretto giro per riportarlo nel Casteller.

Tuttavia, considerata la straordinaria abilità di M49, non è detto che non ci regali qualche altra sorpresa.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!