Forte esplosione devasta un ristorante nipponico e lo riduce in macerie: 1 vittima, 17 feriti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:22

A causare la fatale esplosione, che ha lasciato sul posto solo il telaio dell’edificio, molto probabilmente una perdita di gas nel locale

Esplosione a Koriyama, Fukushima, dove un ristorante in stile “shabu shabu” è rimasto in macerie; Secondo le autorità locali l’incidente, che ha causato il decesso di una persona e 17 feriti, si sarebbe innescato a causa di una perdita di gas. L’esplosione è avvenuta poco prima delle ore 9 di questa mattina (ora locale). I soccorritori giunti sul posto hanno estratto dalle macerie il corpo della vittima, due invece sono feriti gravemente. Stando a quanto riferito da Onyasai, la catena di ristorazione che gestisce il locale dove è avvenuto l’incidente, il ristorante in quei giorni era oggetto di alcune riparazioni strutturali, che oggi verranno intensificati per permettere al ristorante di riaprire già nella giornata di domani.

L’esplosione ha danneggiato anche gli edifici limitrofi

L’incidente ha causato una serie di danni paralleli, distruggendo le finestre degli edifici adiacenti al ristorante: il governo della città di Koriyama ha deciso a riguardo di istituire un centro di evacuazione per i residenti che vivono nelle vicinanze per il timore che possano verificarsi esplosioni parallele. 

L’esplosione è stata talmente forte da arrivare a ferire due impiegati e due clienti di una banca nelle vicinanze: un altro dipendente della filiale ha raccontato di non aver mai udito un boato così forte. Un altro testimone, un residente 63enne, ha visto comparire nel quartiere pennacchi di fumo bianco; sul sito è rimasta a stento lo scheletro in acciaio dell’edificio, e vetri e mattoni sono sparsi ovunque.

Gli inquirenti ora continueranno ad udire racconti dei testimoni e porteranno avanti le indagini per accertare che la causa dell’esplosione sia stata davvero una fuga di gas e le relative responsabilità.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!